ELETTROMAGNETISMO

Antenne San Silvestro, «entro sei mesi lo spostamento e la bonifica»

Lo switch off abruzzese comincerà il 7 maggio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2595

Antenne San Silvestro, «entro sei mesi lo spostamento e la bonifica»
PESCARA. La decisione è irrevocabile: le antenne televisive di San Silvestro colle dovranno andarsene da San Silvestro e spostarsi sulla piattaforma off shore «nel più breve tempo possibile».

Dopo il Comune lo ha ribadito adesso anche il Ministero per lo Sviluppo Economico rappresentato dall’ingegner Troisi e dal Capo Dipartimento Sambuco nel corso del vertice svoltosi a L’Aquila alla presenza direttamente delle emittenti televisive.
Le tv locali, dopo tre ore di confronto, hanno dovuto accettare la situazione.
Lo scorso 13 marzo l’Agcom ha pubblicato il Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze radiotelevisive che ha confermato quanto già era stato anticipato nei mesi scorsi dal Segretario generale, l’ingegner Roberto Viola, in ordine all’esclusione definitiva permanente del sito di San Silvestro. «A questo punto le antenne dovranno andare via, non ci sono ulteriori indugi, né atti, San Silvestro verrà bonificato», dice il sindaco Mascia.
E peraltro al posto di San Silvestro l’Agcom ha inserito, come richiesto dal Comune e dalla stessa Regione Abruzzo, la piattaforma off shore, denominata ‘Francavilla’, che secondo lo studio condotto dalla Facoltà di Ingegneria de L’Aquila, è idonea a ospitare le antenne, anche sulla base degli studi che hanno certificato l’assenza di interferenze radioelettriche con l’altra sponda dell’Adriatico.
«Abbiamo raggiunto un risultato storico sul quale in pochi credevano», ricorda il primo cittadino, «e noi invece ce l’abbiamo fatta, sostenuti anche dalla caparbietà di quei cittadini che da anni si battono per riportare tranquillità sulla collina e per la tutela della salute collettiva».
Ovviamente non è finita: ora la regione dovrà attivare la piattaforma off shore e per tale ragione il sindaco ha scritto una lettera al presidente della giunta regionale Gianni Chiodi chiedendo un incontro al fine di avviare la seconda fase di intervento per rendere operativo il nuovo sito ‘off-shore’ e consentire, quindi, il trasferimento degli impianti sulla piattaforma marina.
Al vertice con le tv locali dei giorni scorsi la stessa fermezza manifestata dall’amministrazione comunale è stata ribadita dal Ministero per lo Sviluppo Economico che ha ricordato che spetta al Dicastero decidere come trasferire gli impianti. «Tuttavia», ha spiegato Mascia, «abbiamo deciso di procedere sulla strada della collaborazione purché fosse chiaro che su San Silvestro non si torna indietro».
A questo punto è stato istituito un Tavolo tecnico di lavoro che dovrà operare in modo serrato per stabilire le modalità di migrazione dei ripetitori, un Tavolo di cui faranno parte un rappresentante della Regione Abruzzo, un rappresentante del Comune di Pescara, un rappresentante del Ministero, uno dell’Università, un rappresentante dell’Agcom, 3 rappresentanti dell’emittenza televisiva locale e 2 dell’emittenza televisiva nazionale, un rappresentante dell’emittenza radiofonica nazionale e 2 di quella locale. Il primo incontro operativo si svolgerà a metà maggio e ci si è dati sei mesi di tempo per arrivare al risultato finale, ossia entro sei mesi a partire da oggi San Silvestro dovrà essere stata completamente bonificata, sotto il coordinamento della Regione Abruzzo e del Comune di Pescara.