POST TERREMOTO

Abuso e truffa, denunciato sindaco di Prata d’Ansidonia

Avrebbe attestato il falso per ottenere un Map non avendone i requisiti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4163

Abuso e truffa, denunciato sindaco di Prata d’Ansidonia
L'AQUILA. Il sindaco di Prata d'Ansidonia, Francesco Di Marco, è l'amministratore denunciato dai carabinieri del capoluogo per aver occupato un modulo abitativo provvisorio (Map) nel suo comune senza averne diritto, dato che possedeva assieme ad altri parenti un'abitazione agibile.

La notizia diffusa dai carabinieri ieri non conteneva le indicazioni sul «sindaco» denunciato. Secondo gli investigatori, Di Marco ha riservato un Map per sé e i suoi familiari più stretti, la madre e la sorella, sebbene non ne avessero diritto, visto che sono intestatari di una casa agibile con cinque stanze. Un'abitazione intestata allo stesso sindaco, alla mamma e alle due sorelle, una delle quali, sempre da quanto si è appreso, vive a Milano.
Il reato contestato è l’abuso d’ufficio, oltre alla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica commessa da Pubblico Ufficiale in certificati o autorizzazioni amministrative, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e concorso di persone nel reato.
Dunque secondo gli investigatori il primo cittadino avrebbe assegnato indebitamente alla madre e alla sorella un modulo abitativo provvisorio, nonostante tutti e tre fossero cointestatari di altro immobile ubicato nello stesso comune e dichiarato agibile a seguito del sisma. La sorella del primo cittadino, in concorso con quest’ultimo, avrebbe dichiarato falsamente di non essere titolare di altre abitazioni agibili nel territorio del cratere sismico.