IL GIALLO DELLE SELEZIONI

Ikea: «selezioni iniziate da tempo in luogo segreto»

Le telefonate al Comune: è a Dragonara il posto dove andare?

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9878

Ikea: «selezioni iniziate da tempo in luogo segreto»
SAN GIOVANNI TEATINO. Sono 30mila le persone che attendono di essere chiamate da Ikea per sostenere i colloqui per selezionare i futuri dipendenti. Appena 200 i posti disponibili. L'attenzione è massima anche grazie a qualche piccolo caso che è servito da corollario...

La notizia che tuttavia siamo riusciti a verificare è che in realtà quelle selezioni, quei colloqui, sono iniziati da un pezzo. Ed ecco allora servito l'ennesimo mistero servito da Ikea: perchè in Abruzzo nessuno sa niente?
Sembra un giallo costruito ad arte per farsi pubblicità e creare attesa per l'aperturta dell'atteso punto vendita del colosso svedese a San Giovanni Teatino. Dopo il caso raccomandazioni forse oggi il management italiano è più guardingo nella comunicazione, forse troppo e così magari decide che è meglio mantenere un profilo basso e non dare notizie sulle selezioni più imponenti in Abruzzo.
Verificare le voci che circolano da tempo sui colloqui fantasma è facile e lo fa il vertice delle relazioni esterne di Ikea Italia.
«I colloqui sono iniziati», dice a PrimaDaNoi.it Valerio Di Bussolo che non va oltre. Anche al Comune di San Giovanni Teatino c’è silenzio di tomba ma in municipio sono in molti a sapere che la gente chiama per sapere, per avere informazioni, addirittura per recarsi ai colloqui e magari verificare le informazioni ricevute dall'azienda.
Allo stato è davvero difficile credere che nessuno sappia nulla e dopo il caso delle raccomandazioni digerire questo altro "segreto" non aiuta. In realtà quella che dovrebbe essere una normale procedura di selezione, come tante, si sta trasformando in una vera e propria operazione di intelligence in cui non si deve o non si può conoscere il dove, il come ed il quando. Perchè mai questa scelta?
Le ricezione dei curricula si è conclusa l’8 febbraio scorso catalogando ben 30.446 aspiranti. Dopo un colloquio telefonico si sarebbe aperta la fase dei colloqui di gruppo e poi individuali. Ma quanti sarnno in realtà chiamati alle fase finali? Anche questo è un mistero. Di sicuro sono tantissimi quelli che attendono ancora una chiamata che forse non arriverà.

«IL LUOGO? E’ COPERTO DA PRIVACY»
L’aria di mistero sulla procedura è palpabile. La si percepisce da subito, sin dallo scambio di e-mail tra PrimaDaNoi.it ed il responsabile alle relazioni esterne di Ikea Valerio Di Bussolo. Le domande sono incalzanti, le risposte essenziali e stringate.
Di Bussolo che si trova a Milano in pieno Salone del Mobile fa presente che i colloqui sono iniziati da tre settimane e i candidati sono stati informati via mail o tramite telefono. Poi precisa che non darà alcun tipo di informazioni e ne fa una questione di privacy.

Privacy, anche sui colloqui? «Privacy riferita solo al dove» ed aggiunge un importante dettaglio, le selezioni sono in un momento molto delicato, che è giusto si svolga in totale tranquillità e senza interferenze».

«LA VIA DEI MISTERI»
Anche dal Comune di San Giovanni Teatino non trapela nulla. Antonello Antonelli, dell’ufficio stampa dice di nn sapere nè che siano iniziati i colloqui e nè dove si tengano.
Dice però di aver ricevuto, giorni fa, chiamate di persone che gli chiedevano di una via precisa, poi dice di non ricordare il nome ma pare che alcuni indizi facessero convergere verso  Dragonara.  Carlotta Guerra, Media Relations Manager di Ikea, tempo fa aveva detto a PrimaDaNoi.it «che i colloqui e la fase di formazione, sarebbero avvenuto in Abruzzo a Pescara, o probabilmente nei pressi della nuova sede Ikea di San Giovanni». Se così è è probabile che ci vorrà almeno un mese per terminare le selezioni, considerando che è probabile che saranno chiamati in pochissimi rispetto all'esercito dei  30mila. Al massimo entro la fine di maggio questa parte delle procedure dovrà essere concluso per passare alla stipula dei contratti.

CANTIERE? APERTURA ENTRO AGOSTO
Intanto sul fronte lavori nel cantiere di San Giovanni Teatino, tutto procede. A dirlo è l’assessore all’Urbanistica del Comune Alessandro Feragalli che pronostica, salvo intoppi, l’apertura dell’ipermercato entro agosto. L’assessore ha fatto sapere che sia i lavori della parte pubblica che quella privata vanno avanti.
Intanto i cittadini hanno già fatto sentire la loro voce dando vita ad una manifestazione di un gruppo che ha costretto il cantiere a fermarsi dopo la scoperta che la strada via Regolizie-via Vracone sarebbe stata connessa, anche pesantemente, alla viabilità in transito da e per il centro commerciale del marchio svedese.

Marirosa Barbieri