SAN GIOVANNI TEATINO

Ikea, i cittadini protestano e fanno fermare i lavori

Al centro del contenzioso una variante al progetto sulla viabilità che nessuno conosceva

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5454

Ikea, i cittadini protestano e fanno fermare i lavori
SAN GIOVANNI TEATINO. Una manifestazione di un gruppo di cittadini ieri sera ha costretto il cantiere per la costruzione dell’ipermercato deimobili a fermarsi.

I cittadini hanno costretto il cantiere alla sospensione dei lavori a causa della scoperta che la strada via Regolizie-via Vracone sarebbe stata connessa, anche pesantemente, alla viabilità in transito da e per il centro commerciale del marchio svedese, contrariamente a quanto era stato loro assicurato dalla precedente amministrazione in un’assemblea pubblica.
Insomma i residenti della zona hanno capito solo da pochi giorni che la loro strada diventerà una arteria principale e dio solo sa quanto trafficata. Ma come è possibile scoprire tali cose praticamente ad un passo dalla inaugurazione?
«Da parte nostra – ha precisato il sindaco Marinucci – non è stato fatto alcun atto ufficiale per modificare i progetti già concordati dai costruttori con la precedente amministrazione, tant’è che l’ultima modifica approvata risale al marzo 2011: eravamo talmente convinti della parola data da chi ci ha preceduto ai residenti di via Regolizie che abbiamo continuato a monitorare i lavori secondo i progetti presentati in Comune. In via cautelativa, abbiamo comunque adottato un’ordinanza per la sospensione provvisoria dei lavori per permettere un sereno confronto delle parti davanti al tavolo tecnico. Riteniamo infatti che via Regolizie debba mantenere il suo carattere di viabilità al servizio dei cittadini della zona, che è stata letteralmente stravolta dall’arrivo di Ikea».
«Non potevamo non essere vicini alla nostra gente che protesta di fronte ad un fatto compiuto di cui non era stata messa in condizione di conoscere gli esatti contorni».
A manifestare c’erano anche il sindaco, Luciano Marinucci, e il vicesindaco, Giorgio Di Clemente, ieri sera per portare la loro solidarietà ai residenti di via Regolizie, la strada a ridosso del cantiere di Ikea che si divide tra San Giovanni Teatino e Chieti (dove prende la denominazione di via Vracone).
E questa mattina vi è stato un tavolo con la presenza anche dei tecnici dell’Ikea e  l’amministrazione comunale ha chiesto all’azienda svedese un sacrificio supplementare: «Abbiamo concordato di verificare la possibilità di regolare il traffico su via Regolizie da e per Ikea attraverso una sbarra elettronica o una canalizzazione obbligatoria per il solo carico e scarico delle merci: i tecnici della società studieranno questa soluzione e ci faranno sapere a breve la fattibilità della proposta».