IL COLPO

Rapine villa: sequestrano commerciante, poi scontro con i carabinieri

Tre uomini ancora in fuga, carabinieri al lavoro

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1946

Rapine villa: sequestrano commerciante, poi scontro con i carabinieri
GIULIANOVA. Sequestrano un commerciante di pesce, lo minacciano con pistola e coltello, si fanno consegnare gioielli e preziosi.

Poi quando escono dalla villa incrociano i carabinieri. Ne è nata una colluttazione ma i ladri, tre in totale, sono riusciti a fuggire. Parte del bottino è stato recuperato.
E' successo la scorsa notte, poco dopo le 2, sulla via per Mosciano, alla periferia di Giulianova Paese. I malviventi, a volto coperto, hanno aspettato che il commerciante, A.G. di 30 anni, uscisse di casa - una villa isolata - per recarsi all'asta del pesce a San Benedetto del Tronto. Lo hanno bloccato puntandogli una pistola giocattolo alla testa e mostrandogli un coltello. Sono rientrati con lui in casa, dove c'erano la compagna e la mamma che dormivano, e gli hanno chiesto di aprire la cassaforte. Approfittando di un momento di distrazione dei rapinatori, la compagna del commerciante ha chiamato con il telefonino il 112. I carabinieri della compagnia di Giulianova, diretti dal capitano Luigi Delle Grazie, hanno incrociato i rapinatori mentre scavalcavano una finestra dell'abitazione.
E’ nata una violenta colluttazione, i tre sono riusciti a fuggire buttandosi nel vicino fossato, sotto la pioggia battente. Nella colluttazione e nella fuga i banditi hanno mollato la pistola e parte del bottino: un orologio Rolex del valore di 4.500 euro, gioielli e mille euro in contanti. Per tutta la notte e tuttora sono in corso battute di ricerca dei tre malviventi. Secondo gli investigatori i malviventi, che parlavano con accento meridionale, potrebbero essere del posto. Solo uno sarebbe il ladro professionista del gruppo e si spera di arrivare ad identificarli in breve tempo. Gli inquirenti sono certi che chi è entrato in azione conoscesse molto bene le abitudini del commerciante e sapesse anche che aveva denaro contante per l'acquisto della merce.