TERREMOTO

Auto danneggiate dal sisma, «ancora nessun indennizzo»

La denuncia del segretario del Pdl Alfonso Magliocco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4116

Auto danneggiate dal sisma, «ancora nessun indennizzo»
L’AQUILA. A tre anni dal sisma ancora nulla é dato sapere sull'indennizzo per le automobili danneggiate dal terremoto ma non ubicate all'interno delle abitazioni principali.

L'Ordinanza di Protezione Civile 3789 del 2009 non ha mai subito le modifiche richieste da circa 180 cittadini che da tre anni aspettano una risposta.
Il contributo previsto (solo per i veicoli ubicati sotto l’abitazione principale distrutta o inagibile) è di massimo 10.000 euro.
Ma c’è anche chi parla di Beffa, come Alfonso Magliocco che sottolinea: «si pensi alle auto parcheggiate nel centro storico e quindi non sempre, per motivi oggettivi, sotto la propria abitazione o in prossimità dei luoghi di lavoro… per quelle non é previsto nessun risarcimento».
I soldi stanziati per gli aquilani ammontano ad una massimo di 1.800.000 € : «sono ben poca cosa rispetto agli sprechi che si stanno perpetrando all'Aquila», continua Magliocco.
Secondo una stima degli anni scorsi di Quattroruote sarebbero oltre 5 mila le auto degli aquilane danneggiate nella notte del 6 aprile. Un numero decisamente importante. Numerose case automobilistiche hanno varato una serie di agevolazioni volte a favorire l'acquisto di auto nuove, ma il problema degli indennizzi non si può nascondere.
«Si tratta di un problema di civiltà oltre che di serietà amministrativa che nessuno, fino ad oggi, sembra voler affrontare con la conseguenza, come spesso accade, di colpire i cittadini piú deboli che oltre ad aver perso tutto stanno perdendo la fiducia nelle istituzioni e nella politica. Chiediamo, quindi, al Comune dell'Aquila e al Commissario per la Ricostruzione di affrontare e risolvere positivamente il problema.....dopo tutto si tratterebbe di un'azione di buon senso».