UNIVERSITA'

Università L’Aquila: nuove elezioni o proroga per Di Orio?

Il decano non ha dubbi: «l’iter è già avviato»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2846

Università L’Aquila: nuove elezioni o proroga per Di Orio?
L’AQUILA. Elezioni o non elezioni? Questo è il problema. All’Università de L’Aquila da qualche tempo è scoppiata una polemica sul rinnovo della carica di rettore alla guida dell’Ateneo.

A mettere tutto in discussione è una legge che allungherebbe di un anno la permanenza in carica di Ferdinando Di Orio fino al 30 settembre 2013.
«Le elezioni si terranno comunque», ha chiarito il Decano Aniello Russo Spena che ha scritto persino al Ministro dell’Università Profumo fissando un calendario dei prossimi appuntamenti. Il problema nasce dall’interpretazione della legge Gelmini che al comma 9 dell'articolo 2 stabilisce che «il mandato dei rettori in carica al momento dell'adozione dello Statuto è prorogato fino al termine dell'anno accademico successivo». Ma non è chiaro se si intenda il momento dell'approvazione o quello della pubblicazione dello Statuto sulla Gazzetta ufficiale. L'Università de L’Aquila avrebbe pubblicato lo Statuto sulla Gazzetta ufficiale a gennaio 2012, quando il rettore in carica era Di Orio. Secondo l'interpretazione del Ministero le elezioni sono sospese per quegli Atenei, come quello de L’Aquila, il cui statuto è stato pubblicato nel corso del corrente anno accademico.
Per Spena non c’è motivazione che tenga, «né il decano né il rettore hanno il potere di annullare le elezioni», ha detto,«la sua interruzione può avvenire solo a fronte di una decretazione ministeriale di annullamento o per sospensione ingiunta dalla magistratura amministrativa dietro ricorso di persona interessata. Quando si è attivata la macchina elettorale non c'è più nessuna possibilità di tirarsi indietro». Secondo il crono programma tracciato dal Decano le elezioni del rettore saranno convocate il 17 maggio 2012. Resta confermata anche la convocazione dell’assemblea elettorale del giorno 20 aprile 2012.
Dal suo canto il rettore Di Orio ha interpellato anche la Crui (conferenza rettori università italiane) invitando il presidente, Marco Mancini ad esprimere una forte posizione pubblica per sgombrare definitivamente il campo da ogni illazione o polemica strumentale sulla questione.
Lo stesso presidente, secondo quanto detto dal rettore, avrebbe risposto che non c'è nulla da discutere in quanto c'è una legge, e la legge non va commentata. Di Orio è stato eletto una prima volta nel 2004 con mandato triennale e una seconda nel 2007 per quattro anni.
Bisognerà attendere i prossimi giorni per avere più chiarezza.