TRAFFICO & SMOG

Fine settimana ecologico: macchine a casa, si cammina a piedi

Domenica blocco del traffico dalle 8.30

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2434

Fine settimana ecologico: macchine a casa, si cammina a piedi
PESCARA. Nono fine settimana di chiusura al traffico (sabato 14 e domenica 15 aprile) delle vie del centro cittadino per l’appuntamento con il ‘Week-End Ecologico’.

Ancora da domani, così come accadrà ogni fine settimana, verranno chiuse al traffico via De Amicis, via Mazzini e via Regina Margherita, dalle 17 alle 19, per liberare dalle auto il centro urbano, riconsegnato ai pedoni.
«Obiettivo delle due giornate – ha spiegato l’assessore Berardino Fiorilli – è senza dubbio quello di sensibilizzare i cittadini, gli utenti, a ridurre il più possibile l’uso del mezzo privato, specie nel periodo invernale quando, con l’accensione anche degli impianti di riscaldamento, assistiamo a una inevitabile impennata delle polveri sottili nell’aria».
Ma domenica il blocco del traffico partirà dalle 8.30 di mattina e coinciderà anche con la ventottesima edizione di ‘Vivicittà 2012’, la classica di primavera promossa con la A.S.D. Farnese Vini e dalla Uisp. Ad aprire la manifestazione saranno come da tradizione i bambini, già dalle 9.30, che svolgeranno la propria gara su corso Umberto. La gara non competitiva si snoderà su 5 chilometri con partenza unica da piazza della Rinascita, per poi percorrere via Nicola Fabrizi, via Gobetti, via Paolucci e a quel punto tornare lungo la riviera nord sino a piazza Primo Maggio per poi svoltare verso il traguardo di piazza Salotto. La gara podistica agonistica proseguirà invece per 12 chilometri, con 2 giri da 6 chilometri, ossia, raggiunta via Paolucci, gli atleti proseguiranno salendo sulla bretella del ponte dell’asse attrezzato, piazza della Marina, via Andrea Doria, viale Papa Giovanni XXIII sino alla prima rotonda all’altezza di via Vespucci, quindi ritorno indietro con attraversamento del Ponte del Mare, lungomare Matteotti, viale della Riviera nord, via Leopoldo Muzii, viale Regina Margherita con arrivo in piazza Salotto, un percorso da ripetere per due volte.

ORE 8.30 SCATTA IL BLOCCO TOTALE
Già dalle 8.30 di domenica scatterà la chiusura totale della città al traffico, la terza giornata che l’amministrazione comunale ha spostato dal giovedì alla domenica .
Per cinque ore sarà in vigore il divieto di circolazione nella maxi-isola pedonale delimitata tra via Cavour, piazza Duca degli Abruzzi, via Nazionale Adriatica nord (da via Cavour a via Tiepolo), via Tiepolo, via Caravaggio, via Da Vinci (da via Caravaggio a via del Santuario), via del Santuario (da via Da Vinci a via Michelangelo), via Michelangelo, corso Vittorio Emanuele, piazza Duca D’Aosta, piazza Italia, ponte dell’asse attrezzato (direzione sud), piazza della Marina, via Da Vestea (da piazza della Marina a via Bardet), via Bardet (da via Da Vestea a via Vespucci), e via Vespucci (da via Bardet al lungomare Cristoforo Colombo). All’interno dell’isola, ma al di fuori del percorso di gara, potranno circolare i mezzi della Forza pubblica o di soccorso; veicoli a emissione nulla, auto elettriche; autobus, taxi e scuolabus; mezzi al servizio di invalidi muniti di contrassegno; veicoli utilizzati per persone sottoposte a terapie; operatori del gas, luce e servizi per interventi urgenti; autoveicoli dei cortei e cerimonie religiose segnalati al Comando della Polizia municipale; medici e veterinari in visita urgente; veicoli di operatori dell’informazione compresi gli edicolanti con certificazione del datore di lavoro o con tesserino di riconoscimento; veicoli di clienti muniti della prenotazione alberghiera; veicoli utilizzati per la consegna a domicilio per fiorai, ristoratori e pasticceri e il trasporto di merci deperibili; autocarri per il trasporto di merce.
E nei giorni scorsi proprio Casartigiani, CNA, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti avevano chiesto all’amministrazione pubblica di archiviare «definitivamente» l’esperimento di chiusura del traffico al giovedì o in una qualunque giornata lavorativa e di valutare chiusure nelle sole domeniche, o nelle giornate di festività.
Sempre le associazioni avevano richiesto di coinvolgere le amministrazioni dei Comuni vicini (Città S. Angelo, Montesilvano, Spoltore, S. Giovanni Teatino) per la redazione di un piano traffico “metropolitano”; individuare aree, anche private, da adibire a “parcheggini”, per fronteggiare l’emergenza attuale, favorire e incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici, attraverso l’utilizzo di bus elettrici o a metano e riqualificare e valorizzare l’intera area di risulta.