RIFIUTI

Discarica Tortoreto, il Comune chiede i danni a Giulianova

«Non abbiamo avuto il giusto ristoro», sostiene il primo cittadino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1275

Discarica Tortoreto, il Comune chiede i danni a Giulianova
TORTORETO. «La nostra è una maggioranza coesa nella consapevolezza che in questo ente c’è molto da chiarire sulla gestione presente e passata e non solo per il caso Saccuti», dice il sindaco Generos Monti.

Come pure si ritiene di dover fare chiarezza e rimettere in discussione la discarica comunale così come si sta facendo con il Villaggio del Salinello per il presunto diritto di avere un’area comunale e come per il Prusst di piazza Matteotti con la ditta Di Gennaro. Il Comune di Tortoreto si trova oggi a dover adeguare, bonificare e chiudere la discarica del Salinello per i rifiuti ammassati provenienti dal comune di Giulianova. Lo stesso, quindi, dovrà essere chiamato a rifondere i costi necessari alle operazioni. «Chi in precedenza ha amministrato», sostiene Monti, «deve spiegare perché non venne rispettata la delibera di consiglio fatta negli anni Novanta in cui si stabiliva la reciprocità (ristoro economico o possibilità per Tortoreto di scaricare i rifiuti nella discarica giuliese). Dagli atti risulta che la transazione fu chiusa con un accordo economico sottostimato rispetto al quantitativo di immondizia ospitata. Parliamo di qualche centinaia di migliaia di lire a fronte di miliardi dovuti. A ciò aggiungo che l’area espropriata dall’amministrazione comunale per la discarica costò 650milioni di vecchie lire». Il sindaco Monti poi risponde sulla presunta spaccatura che il caso Saccuti avrebbe provocato a destra e a sinistra. «Io non so se sia così. Certo è che questa maggioranza è unita, solida e lo è ancor più oggi. Lo ha dimostrato nella convocazione del consiglio comunale per la costituzione della commissione speciale d’indagine presieduta dal capogruppo di minoranza Rolando Papiri, dalla costituzione della commissione d’indagine amministrativa presieduta dal direttore generale dell’ente. L’amministrazione ha anche provveduto a dare indirizzo alla segreteria per la nomina del legale a tutela dell’ente e dei cittadini sul caso della ragioneria, sia sotto il profilo civile che penale».