TERAMO

Pedopornografia, teramano arrestato: almeno 35 bambini nella sua rete

Raccolte oltre 800 foto dal 2009 al 2010

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4218

Pedopornografia, teramano arrestato: almeno 35 bambini nella sua rete
TERAMO. Al momento dell'arresto l'uomo ha infilato in un tritacarte un foglio con i suoi profili virtuali e le password.

 Gli agenti della Polizia Postale di Teramo e del Compartimento di Pescara ha tratto in arresto un teramano di 33 anni. Secondo l’ipotesi accusatoria l’uomo avrebbe adescato via internet con la tecnica del “grooming” decine di bambine tra gli 11 e i 14 anni in varie città d’Italia, costringendole a riprendersi in foto e video osè tramite webcam.
Il fenomeno del grooming (termine inglese che indica il comportamento, osservato in particolare tra gli scimpanzé, in cui un animale provvede a mantenere la pulizia e l’igiene di un suo simile) individua una tecnica particolare in cui l’adulto, potenziale abusante, “cura” la potenziale vittima, inducendola gradualmente a superare le sue resistenze mediante tecniche di manipolazione psicologica.
La maligna finalità è quella di entrare in contatto ed in confidenza con ragazzi e ragazze, conquistandone progressivamente la fiducia ed agevolando il passo successivo, che è quello di un possibile incontro off-line. Gli adulti sfruttano a questo scopo i molteplici strumenti messi a disposizione dal web (si pensi a chat, social network, istant messanger, forum, giochi online, etc.) e dai telefoni (sms, mms).
I dettagli dell’operazione verranno illustrati in tarda mattinata.

800 FOTO RACCOLTE
800 foto raccolte, 35 (dato ancora non definitivo) adolescenti adescati in tutta Italia. Sono questi i numeri che in poco più di un anno, a cavallo tra il 2009 e il 2010, è riuscito a racimolare il teramano arrestato per pedopornografia.
Lui la sua vera età non la rivelava mai alle giovani vittime contattate su Messanger, il noto servizio di chat. Diceva di avere 15 anni e poi scattava il piano diabolico. Chiedeva di farsi vedere nudi in webcam e non lesinava minacce. Ma qualcuno ha deciso di ribellarsi e così è scattata l’indagine e pure le manette, come su  disposizione del gip del Tribunale dell'Aquila Marco Billi su richiesta del sostituto procuratore David Mancini.
La prima denuncia è partita dal Piemonte ad opera di una mamma che aveva scoperto lo strano ‘giro’ in cui era finita la figlia adolescente. La polizia postale è arrivata facilmente a casa dell’uomo al quale è stato sequestrato il computer. Da lì sono partiti gli accertamenti tecnico scientifici e gli agenti hanno capito che la situazione era ben più preoccupante di quanto potesse immaginarsi.
Il caso denunciato, infatti, non era isolato, ma gli inquirenti hanno scoperto che il teramano aveva diversi profili e nickname su Messenger, stringeva amicizia con le sue vittime on line, creando un rapporto di fiducia e confidenza, per poi cominciare a chiedere alle sue amiche virtuali non solo foto nude ma anche di mastrubarsi davanti alla webcam.
Lui, dal canto suo, diceva di avere la telecamera rotta, per non farsi vedere, e inviava foto di alcuni giovanissimi come se fossero le sue. Per convincere le piccole amiche le ricattava, dicendo di essere un hacker e di essere pronto ad "entrare" nei computer delle giovanissime per carpire le foto e inviare virus. Questa tecnica, detta di 'grooming', arriva in genere fino ad una richiesta di incontro ma il 33enne non avrebbe mai visto le sue vittime di persona. Fino ad oggi la Polizia postale ne ha identificate 35, che sono state sentite alla presenza di genitori e psicologi e all'epoca dei fatti avevano tra gli 11 e i 17 anni. Solo alcune hanno sporto denuncia, mentre altre hanno negato tutto.
Le giovani vivono in varie regioni: Veneto, Piemonte, Lombardia, Toscana, Emilia, Campania e Sicilia e in Abruzzo l'area interessata e' quella dell'Aquila, dove e' stato registrato un caso. Le indagini non sono terminate: complessivamente i computer sequestrati sono tre, oltre a un hard disk, ancora da esaminare. La polizia postale invita a segnalare eventuali altri casi, se qualche ragazzina e' stata contattata da uno di questi nickname: Valeriux2010, Severe_winter, Lasabbiabrucia, Readyforsummer, Fruttoesotico