LA DENUNCIA

Furti all’antistadio di Francavilla: atleti in allenamento e… ladri in azione

Portano via tutto: vestiti, chiavi di casa, cellulari

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2577

Furti all’antistadio di Francavilla: atleti in allenamento e… ladri in azione
FRANCAVILLA. Per il momento sono ignoti: prendono di mira gli spogliatoi dell'antistadio di Francavilla, di proprietà del Comune e gestito dalla municipalizzata Cosvega Srl.

Entrano in azione quando gli sportivi non ci sono e approfittando della mancanza di lucchetti di sicurezza portano via tutto quello che trovano a tiro. Non solo telefonini e orologi ma anche maglie, pantaloni e giacche.
Nelle ultime due settimane è accaduto almeno due volte, racconta Alessandro Pepe a PrimaDaNoi.it, presidente e giocatore del Real Francavilla, squadra che milita nel campionato provinciale di Terza Categoria di Chieti.
E Pepe spiega quello che è successo giovedì scorso: «al termine dell'allenamento settimanale, intorno alle 21:30, facendo rientro all'interno dello spogliatoio in compagnia dei miei compagni, mi sono accorto di essere stato derubato della mia tracolla contenente tutti i miei effetti personali, denaro contante e il mio telefonino cellulare. Alle altre due persone sedute accanto a me sulla stessa panca sono stati sottratti i pochi euro conservati nelle tasche dei giubbotti, mentre al mio portiere è stata sottratta dalla tasca dei pantaloni la chiave della propria autovettura di recentissima immatricolazione, ritrovandola a sua volta all'interno dell'auto che era stata aperta e messa a soqquadro nella speranza di rimpinguare il bottino già abbondante».
Pepe ha sporto regolare denuncia di furto presso la stazione dei Carabinieri di Francavilla, lamentandosi per la carenza dei controlli disposti dai responsabili della struttura. Ma non soddisfatti del colpo messo a segno lo scorso giovedì, un analogo episodio si è ripetuto anche ieri sera, sempre all'interno dello stesso spogliatoio, questa volta ai danni dei tesserati dello Sporting Francavilla, società militante nel campionato provinciale di Terza Categoria di Pescara. «Agli sfortunati protagonisti di questo nuovo spiacevole episodio è andata anche peggio», racconta Pepe. Rientrati all'interno dello spogliatoio gli atleti si sono accorti di essere stati derubati addirittura dei propri abiti (giubbotti, maglioni, jeans, scarpe), molti dei quali firmati, lasciati appesi agli attaccapanni e sottratti dai ladri insieme agli oggetti contenuti all'interno delle tasche: cellulari, denaro, portafogli, chiavi delle autovetture, chiavi di casa.
«Sono anni», denuncia Pepe, «che, in qualità di presidente della mia associazione, segnalo ai competenti uffici comunali e alla società gestore dell'impianto la mancanza delle serrature alle porte degli spogliatoi, ciascuno dei quali è caratterizzato da due accessi, uno fronte campo, l'altro fronte strada. Gli unici sistemi di sicurezza di cui sono dotate solo le porte con accesso fronte strada sono dei chiavistelli saldati internamente, che permettono di chiuderle dall'interno dello spogliatoio, pur tuttavia non tutelando l'incolumità di tutto quanto contenuto all'interno dato che l'altro accesso resta inevitabilmente aperto. Ad aggravare la situazione va pure sottolineata la mancanza di adeguati controlli ai cancelli di accesso alla struttura, lasciati praticamente incustoditi, permettendo a chiunque di accedere alla struttura fino a ridosso del campo di gioco. Anche in passato sono avvenuti fatti analoghi a quelli verificatisi negli ultimi giorni e ciò nonostante la situazione è rimasta nel tempo immutata, esponendo tutti gli utenti della struttura al rischio di vedersi sottratti da ignoti qualunque oggetto lasciato incustodito all'interno degli spogliatoi».