IL DELITTO

Uccise la fidanzata, giudizio immediato per l’imprenditore

L’omicidio avvenuto a ottobre a Vasto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2503

Uccise la fidanzata, giudizio immediato per l’imprenditore
VASTO. E' stata fissata per il prossimo 16 maggio l'udienza per il giudizio immediato di Matteo Pepe.

L’imprenditore edile, 43 anni, è accusato dell' omicidio volontario di Neila Burekaite, 24enne di origine lituana. Il collegio difensivo di Pepe, composto dagli avvocati Pasquale Morelli e Giampaolo Di Marco del foro di Vasto, valuteranno nei prossimi giorni se chiedere o meno al gup il giudizio con rito abbreviato o procedere a dibattimento nell'immediato. In quest'ultimo caso il processo si terrà in Corte d'Assise a Lanciano, mentre in caso di rito abbreviato il fascicolo si sposterà a Vasto. L'uomo, attualmente detenuto nella casa circondariale di Vasto, è accusato dell'omicidio della donna, avvenuto il 15 ottobre scorso nell'appartamento al terzo piano di un palazzo di via Sandro Pertini, a Vasto.
La donna sarebbe stata colpita con un coltello da cucina: tre i fendenti alla schiena ricevuti nella camera da letto. Ad avvertire il 118 era stato proprio Pepe che quando ha telefonato per chiedere un’ambulanza ha detto di essersi ferito con un coltello. In realtà la tragica scoperta è stata fatta solo qualche minuto più tardi dalla polizia ai quali l'uomo ha subito ammesso di aver «fatto una stronzata». I due erano fidanzati dal maggio del 2007.