L'AQUILA

L’Aquila sfollati da trasferire dall’hotel della Gdf. E Cialente interviene

I terremotati si sfogano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2887

L’Aquila sfollati da trasferire dall’hotel della Gdf. E Cialente interviene
L’AQUILA. I terremotati aquilani ospitati all’ Hotel Firenze della caserma della Guardia di Finanza non hanno pace.

Nei giorni scorsi sulle loro teste si è abbattuta l’ennesima tegolata: una notifica a lasciare la struttura. L’edificio è stato scelto dall’amministrazione proprio per risparmiare soldi pubblici.
«Dopo mesi di tende e alberghi, ci si chiede l’ennesimo trasloco!», è lo sfogo degli ospitati, «siamo anziani, anche con difficoltà motorie, famiglie con bambini».
Intanto il sindaco Massimo Cialente è intervenuto sulla vicenda invitando Roberto Petullà, coordinatore della Sge, a tornare sui propri passi «evitando agli ospiti dell’Hotel Firenze di sentirsi “dei pacchi postali” e consentendo inoltre al Comune dell’Aquila di poter contare ancora per qualche mese su una struttura per le emergenze assistenziali e sociali».
Si tratta di gente che ha perso case e spera ancora in un salvifico intervento delle istituzioni, persone con grave disagio economico e sociale sottoposte già nel tempo a numerosi traslochi.
«Ci si dice che bisogna risparmiare», hanno dichiarato, «ma sempre e soltanto sulla nostra pelle? Ci hanno mandato qui in Caserma “per risparmiare”. E adesso ci spostano di nuovo».
Il sindaco, consapevole che gli sfollati aspettano fiduciosi un segnale dalle amministrazioni per risolvere definitivamente la richiesta di normalità, ha fatto sapere che nelle prossime settimane verranno liberati tutti gli alberghi e saranno trasferite, ove strettamente necessario, le persone ospitate proprio nelle strutture della Guardia di Finanza. «Atti di forza come questo», ha concluso il sindaco, «che puntano a razionalizzare le risorse senza però concertare gli interventi, finiscono per vanificare l’obiettivo di fornire condivise risposte alle esigenze dei cittadini. L’ospitalità all’interno della Guardia di Finanza ci consente sia di poter risparmiare preziose risorse pubbliche che, e al contempo, con una spesa certo esigua rispetto agli oneri delle strutture ricettive alberghiere, di poter ospitare queste categorie di persone, vessate e poco considerate, in attesa della disponibilità di alloggi».
m.b.