IL CASO

Aeroporto Preturo chiuso. Arduini: «prima l’apertura poi documenti all’Enac»

La settimana prossima decisiva per la controversia innescata in seguito all'appalto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2484

Aeroporto Preturo chiuso. Arduini: «prima l’apertura poi documenti all’Enac»
L’AQUILA. Avrebbe dovuto fornire i documenti, presentare il personale abilitato e cominciare a pieno ritmo l’attività aeroportuale. Invece la IX Press, nuovo

gestore dell’aeroporto dei Parchi de L’Aquila, ad oggi resta alla porta. Ma il vice sindaco Giampaolo Arduini ha assicurato a PrimaDaNoi.it che «agli inizi della prossima settimana lo scalo dovrebbe aprire all’aviazione generale. Poi, dopo questo step entro 30/40 giorni la Ix Press dovrebbe fornire le carte all’Enac per poi aprire al traffico commerciale».
Ma le parole del vice sindaco lasciano spazio a qualche punto di domanda. Per l’apertura di uno scalo è importante che si verifichino due condizioni: il servizio antincendio e l’ok dell’Enac.
Come fa, dunque, la IX Press ad aprire la prossima settimana in mancanza dell’autorizzazione dell’Enac e del servizio antincendio? Prima apre e poi fornisce le carte?
L’Enac ha chiuso lo scalo agli inizi di marzo proprio perché la IX Press non aveva il servizio antincendio ed ha detto a chiare lettere che «solo una volta verificatesi le condizioni di operatività dell’aeroporto si provvederà alla cancellazione del notam di chiusura e al ripristino della piena operatività». Quindi si aprirà dopo che le condizioni si saranno normalizzate. Dettagli sui quali il vice sindaco non si è soffermato.
«Certo che serve l’antincendio ma io francamente non ho seguito punto per punto», ha detto, «so che stanno trattando con una società che fanno servizio antincendio per avere il personale».
Intanto ieri mattina, secondo quanto dichiarato da Mauro De Luca della società Alifire che ha svolto per anni il servizio antincendio per conto dell’ex gestore Air Vallè, «la IX Press ha portato un mezzo vecchio rispetto a quelli utilizzati dall’Alifire, in aeroporto. Al momento sarebbe tutto fermo, anche la trattativa tra Ix Press e Gsa per il personale».
L’arrivo del nuovo mezzo non è stato né confermato né smentito dal vice sindaco che però ritiene sia molto probabile. «Li ho sentiti giorni fa (Ix Press) ed hanno detto che per i mezzi avevano fatto, per i certificati non ancora».
L’unico dato certo ad oggi è che dopo aver ottenuto il via libera del Tar de L'Aquila per la gestione dell’aeroporto (in seguito ad una causa con l’ex gestore Air Vallè) la IX Press non ha ancora potuto mettere piede nello scalo, il suo mezzo, forse sì.
Marirosa Barbieri