Stop al traffico, qualche ‘furbetto’ e nessuna multa

Oggi riunione in Comune per tirare le somme

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2021

Stop al traffico, qualche ‘furbetto’ e nessuna multa
PESCARA. Nessuna multa ai ‘furbetti’ che hanno violato le transenne e hanno fatto finta di non sapere del blocco del traffico.

La polizia municipale ha scelto, per il primo giorno di chiusura, di andarci con la mano leggera e alla sanzione è stata preferita l’informazione e la spiegazione di ciò che stava accadendo.
Questa mattina in Comune si terrà un briefing operativo per verificare le iniziative da adottare per la seconda chiusura di giovedì prossimo che per l’amministrazione comunale non è da considerare come un esperimento ma come «una misura obbligatoria e necessaria per ridurre i livelli delle micropolveri in città e garantire la tutela della salute dei cittadini».
E sempre oggi, dati dell’Arta alla mano, si verificherà l’esito della giornata, ossia se avrà prodotto o meno un effettivo abbassamento del Pm10.
Alle 9 in punto di ieri è scattata la chiusura, sotto l’occhio di 70 agenti della Polizia municipale, portati tutti fuori dagli uffici per una mobilitazione totale in strada, e 20 volontari della Protezione civile, coordinati da Angelo Ferri.
«Nella prima ora - ha detto l’assessore Fiorilli – abbiamo registrato qualche incolonnamento in piazza Italia, rimasta aperta per consentire il deflusso dalla rampa dell’asse attrezzato, verso via Chieti, e poi in via Arno, ossia nelle due strade transitabili come perimetro, ma già alle 10 la situazione si è normalizzata».
E alle 9 in punto sono partiti anche i due bus navetta istituiti dalla Gtm che per l’intera giornata hanno fatto la spola da nord a sud attraversando la maxi-isola pedonale. La Polizia municipale ha invece segnalato difficoltà in via Cadorna, transitabile, a causa di un cantiere che ha determinato un restringimento della carreggiata che gli uffici non avevano considerato, ma anche la necessità di potenziare la segnaletica verticale, ossia i cartelli stradali e le transenne, specie a Pescara sud.
Un problema di indicazioni tra via Raffaello e via Donatello ha invece determinato qualche violazione alla chiusura di viale Bovio.
Ovviamente non sono mancati i furbetti e la Polizia municipale ha fermato gli automobilisti che hanno violato le transenne, senza comminare multe, ma obbligandoli a parcheggiare nello stallo più vicino per riprendere l’auto dopo mezzogiorno.
«Sappiamo delle critiche giunte da alcuni commercianti o associazioni di categoria», ammette Fiorilli, «ma l’iniziativa non è nata da un ‘capriccio’ dell’amministrazione comunale, ma da una necessità, ossia la tutela della salute che richiede l’impegno e il sacrificio di tutti, soprattutto di quegli operatori e imprenditori che pure durante gli incontri con l’amministrazione lamentano lo smog, il traffico congestionato, e dai quali oggi ci saremmo attesi solidarietà e collaborazione».