PINETO

Nasce la nuova caserma dei carabinieri di Pineto

Il prefetto vicario fa visita alla struttura

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1767

Nasce la nuova caserma dei carabinieri di Pineto
PINETO. «Una struttura che è la realizzazione di un sogno».

Così il prefetto vicario di Teramo, Salvatore Marino, ha commentato la nuova caserma dei carabinieri di Pineto, i cui lavori stanno giungendo al termine.
Marino ha fatto visita allo stabile questa mattina assieme al sindaco Luciano Monticelli, l’assessore alla Protezione Civile Giuseppe Cantoro, il comandante dei carabinieri di Pineto, Gianni Mincone, il capitano della compagnia di Giulianova, Luigi Delle Grazie e ad altri rappresentanti delle forze dell’ordine.
La realizzazione della caserma, che sorge in via Filiani, è giunta, infatti, al termine e a partire dai primi giorni del mese di giugno potrà ospitare i militari che finora hanno stazionato in un palazzo di proprietà privata, dalle dimensioni ridotte e non adeguate alle necessità della compagnia.
«Finalmente un’amministrazione comunale si fa carico delle esigenze dell’Arma – ha sottolineato Marino, che durante la visita ha più volte ribadito l’importanza per un Comune di fornire alle forze dell’ordine un’abitazione –. Fa onore vedere che la struttura è stata realizzata in un punto centrale, a dimostrazione del ruolo dei militari in una società dove il bisogno di sicurezza si fa sempre più fondamentale. Un plauso all’amministrazione di Pineto, che con la polizia del Cerrano e la nuova caserma ha dimostrato di essere davvero all’avanguardia».
Lo stabile, di proprietà del Comune, renderà alle casse di Palazzo di Città un fitto annuo di circa 42mila euro. La struttura è costituita di una serie di box riservati a militari e residenti, di un piano interamente dedicato ai locali della compagnia e di due piani di appartamenti.
«Un’amministrazione – ha continuato Marino – non deve solo portare uomini nel proprio comprensorio, ma fornire anche loro gli strumenti necessari per la permanenza. Soltanto così si mettono gli agenti in condizione di essere sempre più operativi. Quello del Comune di Pineto era un sogno, oggi è diventato una realtà che ha superato anche l’immaginazione».