VIABILITA'

Frana sp 152 Castiglione- Montazzoli. «Riapertura parziale entro Pasqua»

Primo intervento a carico della comunità montana

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2318

Frana sp 152 Castiglione- Montazzoli. «Riapertura parziale entro Pasqua»
CHIETI. La Sp 152 Castiglione Messer Marino – Crocetta di Colledimezzo, chiusa per frana, sarà riaperta entro Pasqua.

Parola del presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio che ha convocato un incontro con l’assessore regionale Luigi De Fanis, l’assessore provinciale al Bilancio Alessio Monaco, i sindaci di Montazzoli Ercole Del Negro, di Schiavi d’Abruzzo nonchè vice Presidente della Comunità Montana Montagna Sangro Vastese, Luciano Piluso, il commissario prefettizio del Comune di Castiglione Messer Marino Giovanni Giove, il dirigente del settore viabilità della Provincia Carlo Cristini.
Si tratterà di un’apertura parziale limitatamente ad una corsia che sarà percorribile a senso unico alternato regolato da un semaforo.
La copertura dei costi per questo primo intervento sarà a carico della Comunità montana Sangro-Vastese, fanno sapere dalla Provincia, «ai lavori definitivi ci penserà la Regione».
La strada che garantisce il collegamento fra il territorio dell'alto vastese e l'area del Sangro è stata chiusa lo scorso 9 marzo a causa di una frana provocata dalle abbondanti nevicate e dalle piogge torrenziali. La Provincia ha fatto sapere che affiderà ad un geologo l’incarico di effettuare una valutazione tecnica e la Comunità montana Sangro-Vastese assicurerà (oltre ai fondi) la vigilanza sul tratto in frana attraverso i volontari della Protezione civile.
La Provincia non resterà a guardare ma, ha dichiarato, «pur non avendo i fondi per fronteggiare una frana di proporzioni devastanti come quella che ha colpito la Sp 152, provvederà alla redazione del progetto dell'intervento definitivo ed abbrevierà i tempi necessari per giungere alla riapertura della strada».
Per il progetto definitivo invece ci vorrà la Regione che dovrà sborsare una somma per garantire la copertura finanziaria dell’intervento. L’assessore regionale De Fanis, fa sapere Di Giuseppantonio, è stato già investito del caso e si è impegnato a sollecitare la convocazione di un incontro con il direttore regionale dei Lavori Pubblici e con l'assessore regionale competente.