PESCARA

Riciclaggio auto, 21 arresti. Il capo clan un rom di Montesilvano

Giro d'affari superiore al milione di euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6638

Riciclaggio auto, 21 arresti. Il capo clan un rom di Montesilvano
PESCARA. La polizia stradale di Pescara ha effettuato 21 arresti per falso e ricettazione per l'acquisto di autoveicoli in numerose province italiane.
Il capo della banda è un nomade di Montesilvano, Vincenzo Bevilacqua, 51 anni: oltre ai 21 arrestati sono state denunciate altre 30 persone. La banda di Rom falsificava documenti e assegni per l'acquisto di autoveicoli, alcuni dei quali esportati anche in Lituania, Germania e Bulgaria.
Secondo il comandante della Polstrada di Pescara, Silvia Conti, il volume di affari rintracciato al momento supera il milione di euro e sono stati ritrovati per ora 55 veicoli.
Le misure cautelari sono state emesse dal gip di Pescara, Gianluca Sarandrea, su ordinanza del pm Andrea Giusti: ad essere interessate in Italia sono state le province di Chieti, Foggia, Potenza, Salerno, Cuneo e Campobasso. Gli indagati individuavano una città o una determinata zona geografica dove contattare diversi inserzionisti che vendevano le proprie auto on line e fissavano un appuntamento per visionare il veicolo in vendita. Una volta raggiunto l'accordo economico e dopo aver individuato dello sportello Aci o l'agenzia di consulenza automobilistica in grado di rilasciare al momento i nuovi documenti di circolazione, si formalizzava la vendita fissando appuntamenti 'ad hoc', in orari di chiusura delle banche, soprattutto di venerdì, per non consentire verifiche sulla genuinità degli assegni bancari usati per pagare i mezzi.
Per la stradale il gruppo disponeva di «consistenti mezzi finanziari», e lo dimostra il fatto che il compenso spettante all'agenzia di consulenza veniva pagato sempre in contanti, anche quando si trattava di cifre elevate. I destinatari della misura della custodia cautelare in carcere gia' catturati dalla polizia stradale sono, oltre a Vincenzo Bevilacqua, Costantino Bevilacqua, 21 anni di Montesilvano, Maria Michelina Santeramo, 42 anni, di Montesilvano, Alessandro Marcucci, 27 anni, di Montesilvano, Antonio Lamberti, 47 anni di Pontecagnano Faiano (Salerno), Massimo Mergiotti, 42 anni, di Montesilvano (Pescara), Manuela Di Lello, 28 anni, di Montesilvano, Pamela Di Lello, 26 anni, di Montesilvano, Mauro Tummolo, 25 anni, di Lavello (Potenza), Donato Caputo, 56 anni, di Rionero in Vulture (Potenza), Aurelio Crisante, 54 anni di Montesilvano, Mattia Ferri, 25 anni di Montesilvano, Angelica Ferretti, 26 anni, di Montesilvano. Arresti domiciliari, invece, per Floriano Ulisse, 58 anni, di Montesilvano, Michele Fasano, 33 anni, di Colliano (Salerno), Rosanna Branca, 38 anni, di Rionero in Vulture, Nicola Colaianni, 41 anni di Lavello.