LA DENUNCIA

Terremoto, Confcommercio dichiara guerra: «pronti alle barricate»

Indetto stato agitazione settore contro inerzia istituzioni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4045

Terremoto, Confcommercio dichiara guerra: «pronti alle barricate»
L’AQUILA. Il Consiglio direttivo della Confcommercio L'Aquila ha deliberato lo stato di agitazione della categoria.

In questo modo si dà il via ad iniziative, «anche particolarmente decise» per sottolineare «l'inerzia totale» che «tutte le istituzioni» dimostrano ormai da oltre due anni rispetto al rilancio del settore del terziario e delle pesantissime problematiche «tuttora irrisolte che asfissiano gli operatori del Commercio, del Turismo e dei Servizi».
«Non c'é alcuna strategia mirata –conferma l’associazione- per un settore che è stato stravolto dal sisma e la 'cialtroneria' impera in troppe istituzioni che per anni hanno ingannato le piccole e medie imprese sulla vicenda della Zona Franca sulla quale l'unica parola che si può dire è 'vergogna'. Per tutti. Per non parlare dell'unica iniziativa concreta che l'allora Prefetto Franco Gabrielli impose per rilanciare provvisoriamente lo storico Mercato di Piazza Duomo in Piazza D'Armi. Una storia plurisecolare (dal 1308) che questa incapace ed ignava classe dirigente sta riuscendo a cancellare insieme ad una tradizione identitaria della città. Nessuno muove un dito», denuncia ancora l’associazione di categoria, «nessuno è riuscito a leggere il dramma di un fondamentale settore dell'economia cittadina e del comprensorio del 'cratere'. Di qui l'esigenza di manifestare con veemenza e con iniziative particolarmente importanti per far comprendere a tutti che questa categoria è giunta davvero ad un punto di rottura con chi non comprende sacrosante istanze e quindi non rappresenta più la realtà socio-economica di questo comprensorio». 
«Senza una strategia di ascolto, di sostegno e di progettualità le aziende che erano presenti all'Aquila e nel comprensorio prima del terremoto pagheranno con la loro chiusura l'attaccamento alla città - ha sostenuto il direttore della Confcommercio, Celso Cioni - per dare spazio irresponsabilmente a chi verrà da altri territori a mietere provvidenze come per troppe volte è accaduto in passato. Noi non consentiremo tutto ciò a rischio di tornare a fare barricate aquilane. Non accetteremo supini quello che oggi appare un destino inevitabile, noi ci riprenderemo ad ogni costo e con le nostre mani il nostro futuro, combattendo contro questo inaccettabile stato di cose».
«Siamo pronti a scendere in piazza - ha aggiunto il presidente di Confcommercio L'Aquila, Alberto Capretti – per difendere la dignità, la storia e la tradizione identitaria del Commercio, del Turismo e dei Servizi che sono stati nei secoli protagonisti di stagioni di crescita sociale ed economica. Nei prossimi giorni ne vedremo delle belle».