PESCARA

Ordinanza anti prostituzione, prorogata per tutta l’estate

Ieri blitz della municipale contro i venditori abusivi

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4123

Ordinanza anti prostituzione, prorogata per tutta l’estate
PESCARA. E’ stata prorogata sino al prossimo 31 ottobre 2012 l’ordinanza antiprostituzione.

Con il dispositivo si punta a scoraggiare il fenomeno in alcune zone specifiche e a rischio della città, come la riviera nord e sud, via della Bonifica, via Michelangelo, via Ferrari o via Nazionale Adriatica nord. In tali zone resta dunque vietato rallentare, marciare in auto a passo d’uomo o fermarsi a bordo del proprio veicolo dinanzi a una prostituta lungo la strada.
Vietato a chiunque, si legge sempre nell’ordinanza, «assumere atteggiamenti e modalità comportamentali, o ancora indossare abbigliamento, suscettibili di offendere la pubblica decenza nonché tali da manifestare inequivocabilmente l’intendimento di offrire prestazioni sessuali a pagamento».
«Non vietiamo la prostituzione, cosa impossibile dal nostro ordinamento», spiega il sindaco Luigi Albore Mascia, «ma vietiamo l’utilizzo di abiti o l’assunzione di atteggiamenti che possono offendere la pubblica decenza».
Coloro che saranno sorpresi a violare tale dispositivo verranno sanzionati con multe sino a 500 euro e le stesse prostitute, dopo una serie di sanzioni non pagate, rischieranno l’espulsione o il foglio di via obbligatorio, com’è già accaduto nei mesi scorsi.
Tale divieto riguarda quattro aree specifiche della città: ossia l’area compresa tra il lungomare Cristoforo Colombo, lungomare Papa Giovanni XXIII, viale Pepe, strada della Bonifica, viale della Pineta, via Luisa D’Annunzio e viale Primo Vere, a sud; l’area compresa tra via Michelangelo, corso Vittorio Emanuele, via Teramo e via Ferrari; poi l’area compresa tra via Leopoldo Muzii, viale Bovio, piazza Martiri Pennesi, corso Vittorio Emanuele e via Michelangelo; infine l’area compresa tra via Cavour, viale della Riviera, via Nazionale Adriatica nord sino al confine con il comune di Montesilvano. 

STOP AI PARCHEGGIATORI ABUSIVI
E stop anche ai parcheggiatori abusivi sulle aree di risulta di Pescara e maxi-sequestri di merce contraffatta sulla riviera nord. Sono queste le due operazioni avvenute nella giornata di ieri. Tre pattuglie della Polizia municipale, alle 10 in punto, sono piombate sulle aree di risulta, scatenando il fuggi fuggi generale.
Contemporaneamente le pattuglie del Nucleo Commercio della Polizia municipale si sono concentrate sulla riviera nord dove, con il ritorno delle temperature più miti e del passeggio, sono tornati anche gli ambulanti abusivi che hanno allestito a terra le proprie bancarelle improvvisate sul marciapiede, cercando di vendere borse, portafogli, Cd e dvd, e giubbotti. Anche in quel caso le pattuglie del Commercio sono arrivate sul litorale nord, soprattutto nel tratto compreso tra piazza Primo Maggio-Nave di Cascella e la Madonnina: la vista del furgone della Municipale e degli agenti in divisa ha scatenato la fuga in spiaggia dei venditori abusivi, che hanno lasciato a terra anche la merce, tutta sequestrata e portata nei depositi della Polizia municipale dove nelle prossime ore verrà contabilizzata.