ELEZIONI 2008

Elezioni regionali 2008: Tar ordina riconteggio delle schede

La verifica dopo il ricorso. Prossima udienza il 12 luglio 2012

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3880

Giuseppe Forte

Giuseppe Forte

VASTO. Il Tar de L’Aquila ha disposto il riconteggio delle schede e dei voti in seguito al ricorso elettorale di Giuseppe Forte, presidente del Consiglio comunale a Vasto e attuale consigliere provinciale del Partito Democratico.

Alle elezioni regionali del 2008 Forte non è stato eletto consigliere per uno scarto di 33 voti rispetto a Franco Caramanico (entrambi candidati con il Pd, il secondo poi passato a Sinistra Ecologia e Libertà). Il Tribunale amministrativo regionale ha voluto vederci chiaro disponendo una serie di controlli e fissando all’11 luglio 2012 l’udienza per la trattazione del ricorso.
Massima soddisfazione espressa dai legali di Giuseppe Forte, Giuseppe Gileno e Vincenzo Mastrangelo.«Una decisione particolarmente significativa», hanno commentato gli avvocati, «perché rivelatrice della seria attendibilità delle gravi irregolarità denunciate».
I fatti risalgono alle elezioni regionali del 2008. Il candidato Giuseppe Forte risultato il primo dei non eletti nelle liste del Partito Democratico con uno scarto di appena 33 voti rispetto a Franco Caramanico, ha presentato un ricorso contro la Regione Abruzzo nei confronti di Caramanico per l'annullamento dell’atto di proclamazione degli eletti alla carica di consigliere regionale della Regione Abruzzo per la circoscrizione di Chieti.
«Di lì è stata disposta dai giudici amministrativi», hanno dichiarato i legali di Forte, «una serie di controlli che hanno portato a riscontrare gravi irregolarità in diverse sezioni elettorali del Comune di Vasto ed in particolare la non corrispondenza tra il numero dei votanti e quello delle schede scrutinate».
Secondo i legali nonostante le gravi irregolarità riscontrate, i giudici amministrativi hanno deciso comunque di respingere il ricorso. La decisione è approdata al Consiglio di Stato, che ha disposto il rinvio della causa nuovamente al Tar Abruzzo.
Ora i magistrati Michele Eliantonio, Elvio Antonelli ed Alberto Tramaglini hanno disposto, il 29 febbraio scorso, la verifica delle schede elettorali «anche alle altre sezioni», secondo gli avvocati di Forte, «per le quali sono state denunciate altrettante gravi violazioni per la erronea mancata attribuzione di numerosi voti di preferenza espressi dai cittadini vastesi in favore del loro assistito».
«In particolare», ha proclamato l’ordinanza del Tar, «viene assegnato il termine di 90 giorni per il deposito della relazione conclusiva a cui saranno allegate le relative schede elettorali».