L'AQUILA

L’Aquila, fondi e precari Por. «La Provincia, procede con proprie risorse»

Del Corvo: «progetto di legge regionale»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3370

L’Aquila, fondi e precari Por. «La Provincia, procede con proprie risorse»
L’AQUILA. «La Provincia de L’Aquila è in attesa di utilizzare i fondi Por Fse europei 2012/2013, una volta che saranno deliberati dalla Regione».

A dirlo è il presidente della Provincia Antonio Del Corvo che tira le somme sull’impiego dei fondi 2009-2010 da parte dell’Ente e si dice pronto per ulteriori stanziamenti (non ancora stabiliti) per il 2012.
Nessun problema sul fronte precari. La Provincia de L’Aquila, fa sapere Del Corvo, «ha ritenuto di procedere ugualmente, con propri fondi, alla riassunzione di parte del personale i cui contratti sono scaduti a fine 2011» ed intanto presenta un progetto di legge.
La Regione Abruzzo ha assegnato, tra gli altri beneficiari alle Province abruzzesi, le annualità 2009-2010-2011 dei fondi Po Fse Abruzzo 2007/2013 nell'anno 2010. Nessuna annualità successiva al 2011 e' stata ancora deliberata dall'esecutivo regionale. Il programma la cui dotazione finanziaria ammonta complessivamente ad € 316.563.222,00, mira a favorire la realizzazione di un mercato del lavoro efficace e inclusivo, il miglioramento del capitale umano, la coesione economica e sociale.
La Provincia de L’Aquila sta realizzando le attività finanziate con il Piano 2009/2011, fa sapere il presidente, «come le borse lavoro o ai corsi di formazione professionalizzanti che vedranno la loro conclusione nel corso del 2012 e saranno rendicontate entro la scadenza prevista».
«Con i tempi ci siamo», ha dichiarato Del Corvo, «mentre altre Province abruzzesi stanno ancora spendendo le somme del Piano 2007/2008 la Provincia de L’Aquila conclusa con un’efficienza realizzativa (rapporto tra il budget assegnato e quello effettivamente speso) pari al 99,48%. Siamo in attesa di poter affrontare anche la programmazione 2012/2013, una volta che questa sarà deliberata dalla Regione».
Quanto al rinnovo dei contrati del personale Del Corvo fa sapere che la Provincia si è comunque fatta carico sul proprio bilancio della spesa necessaria, in attesa delle decisioni regionali. «Vanno ricordate», ha dichiarato, «le assunzioni a tempo indeterminato per le attività in argomento, per 20 unità, già effettuate dall’Ente alla fine del 2010 sulla base di un’apposita procedura di selezione, per coprire il personale andato in pensione. Nell’anno 2011 non si è proceduto ad ulteriori scorrimenti a tempo indeterminato attesa la situazione di blocco totale delle assunzioni verificatasi per la Provincia, in base alla normativa nazionale».
Restano però ancora dei dubbi legati alla cosiddetta “soppressione” dell'ente Provincia. Ed è per questo che Del Corvo ha annunciato un Progetto di Legge Regionale inerente le funzioni delegate alle Province, in corso di approvazione dal Consiglio Provinciale de L’Aquila.
Nel documento si sostiene che la spesa per il personale trasferito dalla Provincia alla Regione (in seguito al decreto Salva Italia di Monti) troverà copertura fino al 31 dicembre 2012 con i fondi di bilancio già assegnati alle Province. Dal 2013 l’entità delle risorse necessarie sarà stabilita con legge di bilancio, nel rispetto degli equilibri del bilancio regionale.
Il decreto infatti, stabilisce che tutte le funzioni e competenze delle Province sono allocate nelle strutture organizzative regionali della Giunta. Il personale che risulta dipendente di ruolo nelle Province a tempo indeterminato viene immesso nel ruolo unico del personale regionale la cui dotazione risulta così incrementata.