EMERGENZA NEVE

Riserva dannunziana: servono 250 mila euro dopo i danni della neve

Il parco resta chiuso almeno fino al prossimo 12 marzo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2766

Riserva dannunziana: servono 250 mila euro dopo i danni della neve
PESCARA. Sarà necessario un investimento complessivo di almeno 250mila euro per ripristinare le condizioni di sicurezza all’interno della Riserva naturale dannunziana.

E’ quanto emerso nel corso del sopralluogo di ieri all’interno del Parco effettuato dai tecnici agronomi comunali, insieme ai responsabili dell’Istituto Fitopatologico della Regione Abruzzo e delle unità operative del Corpo Forestale dello Stato. «Nei prossimi giorni», ha annunciato l’assessore Nicola Ricotta, «sottoscriveremo un verbale di sopralluogo in cui andremo anche a quantificare il numero di piante su cui dovremo lavorare, tutte debitamente segnate e identificate, e nel frattempo la Riserva dovrà restare inderogabilmente chiusa al pubblico, ferma restando la volontà di intervenire per lotti per una progressiva e graduale riapertura alla città».
La nevicata ha prodotto danni con lo schianto e la frattura di molti rami e anche di chiome dei pini. In altri casi invece il freddo ha letteralmente gelato le radici con alberi che si sono adagiati su quelli vicini, «Abbiamo previsto», spiega Ricotta, «tre diversi livelli di interventi necessari: la rimozione dei pini caduti a terra; la rimozione degli alberi che si sono adagiati sulle piante accanto, pur senza cadere a terra; la rimozione dei rami spezzati».
Opere che, complessivamente, potrebbero attestare la spesa che il Comune dovrà sostenere in circa 250mila euro, anche perché la Riserva naturale è comunque antropizzata, urbanizzata, all’interno ci sono gazebo, panchine, impianti della pubblica illuminazione. «In molti casi», ha spiegato l’assessore, «dovremo intervenire anche per il ripristino di tali attrezzature dove risulteranno danneggiate. Le risultanze del sopralluogo verranno ora calate in un verbale che andremo a sottoscrivere nei prossimi giorni, con la quantificazione esatta delle piante che necessitano di un trattamento. Subito dopo i nostri uffici redigeranno il progetto di intervento, con il reperimento delle risorse necessarie e procederemo con l’affidamento, ferma restando la volontà di procedere necessariamente per lotti per garantire la riapertura progressiva al pubblico della stessa riserva. A questo punto resta valida l’ordinanza con la quale abbiamo per ora prorogato sino al prossimo 12 marzo la chiusura dell’area, e per lunedì prossimo decideremo il tempo necessario per rendere di nuovo agibile il polmone verde di Pescara».