TERAMO

Truffa e falso, rinviati a giudizio due allevatori

Falsi contratti da affitto a persone decedute

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3883

Truffa e falso, rinviati a giudizio due allevatori
TERAMO. Due allevatori sono stati rinviati a giudizio dal tribunale di Teramo per falso e truffa aggravata ai danni dello Stato.

I due erano sono state denunciate dal Nucleo di Polizia Tributaria a seguito di una complessa attività info-investigativa nell’area montana confinante i comuni di Campli e Valle Castellana. Gli inquirenti avevano accertato l’esistenza di un sistema di frode ai danni dello Stato che si concretizzava nella redazione di falsi contratti di fitto agrario aventi come locatari persone che, in molti casi, risultavano assenti dal territorio e altre che, principalmente, erano da tempo decedute alla data di stipula dei contratti stessi.
I contratti erano di due tipi: “di affitto agrario” nei quali venivano materialmente falsificate le firme dei locatari, e “dichiarazioni orali di affitto” nei quali il conduttore dichiarava di aver concordato oralmente il negozio giuridico con i proprietari.
In entrambi i casi i contratti venivano regolarmente registrati presso l’Ufficio delle Entrate di Teramo. I documenti falsamente prodotti erano utilizzati dagli indagati quale riprova del possesso di terreni agricoli e allegati alle domande per i benefici comunitari, nazionali e regionali presentate tramite il “Centro di Assistenza Agricola Coldiretti” di Teramo e aventi come ente pagatore l’A.G.E.A. (Agenzia per le erogazioni in agricoltura).
Le attività investigativa sono tuttora in corso per cui non è da escludere il verificarsi di altre situazioni di illegalità del tutto simili a quelle sinora esposte. Infatti sono al vaglio le posizioni di altri soggetti che, utilizzando lo stesso modus operandi, hanno illecitamente ottenuto l’erogazione di fondi comunitari
Questa attività si colloca in una più ampia strategia che mira a colpire un sistema diffuso di illegalità che sottrae risorse vitali ad altre aziende sane, in un settore, quello agro-alimentare colpito anch’esso dalla crisi.