IL CASO

Emergenza neve, dove sono i moduli per chiedere i danni?

La segnalazione di un lettore: «dal Comune di Sulmona indicazioni errate»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2200

Emergenza neve, dove sono i moduli per chiedere i danni?
SULMONA. Il tempo stringe ma i moduli per le richieste non si trovano.

Sul sito del Comune di Sulmona c’è un avviso  : chi intende richiedere gli indennizzi per i danni subiti da beni immobili e mobili può inviare la propria segnalazione «utilizzando la modulistica reperibile sul sito della Regione Abruzzo – Protezione Civile alla voce “Segnalazione Danni”, entro e non oltre il giorno 08 marzo 2012».
Sempre nell’ordinanza comunale si chiarisce che le segnalazioni raccolte verranno inoltrate alla competente Direzione Regionale Protezione Civile – Ambiente, per l’attivazione del fondo di solidarietà e che l’eventuale ristoro degli stessi «dovrà essere valutato ed approvato».
«Il presente avviso», sottolinea il sindaco Fabio Federico, «non rappresenta in alcun modo un impegno da parte di questo Comune ad effettuare il rimborso dei danni subiti e segnalati».
Una volta arrivati sul sito della protezione Civile, però, una bella sorpresa: alla voce ‘segnalazioni danni’, ovvero proprio quella indicata dal Comune di Sulmona,  si apre una lunga pagina con diversi moduli a disposizione degli utenti.
Ma in cima a tutto si chiarisce che «la presente modulistica non è utilizzabile per le segnalazioni dei danni subiti dalle strutture pubbliche e dai privati in conseguenza delle nevicate del febbraio 2012. Per tale evento verranno, all'occorrenza, definite apposite procedure in accordo con gli indirizzi nazionali, di cui sarà data tempestiva informazione ai comuni interessati».
Per il Comune di Sulmona il termine utile scadeva il prossimo 8 marzo, ovvero tra due giorni. La Protezione Civile sembra che voglia dilatare i tempi e darà indicazioni precise in futuro. Quando, non è chiaro.
Gli utenti che in questi giorni sono stati rimbalzati da una parte all’altra si augurano che poi qualcuno non dirà che non ci sono più i tempi tecnici per ottenere i rimborsi.