IL BLITZ

Bis per i controlli fiscali, sotto assedio Ovindoli e Campo Felice

Trovati lavoratori in nero: scattate le sanzioni

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2391

L'Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate

CAMPO FELICE. Un altro week end di controlli fiscali da parte dell’Agenzia delle Entrate sulle piste da sci. Nel mirino Ovindoli e Campo Felice.

Dopo il blitz a Roccaraso, l’Agenzia fa il bis in altre località sciistiche abruzzesi mettendo sotto la lente d’ingrandimento le scuole sci, nolo sci, e gli immancabili hotel, bar e ristoranti a caccia di scontrini non emessi e lavoratori in nero. Controlli a tappeto per tutte le giornate di sabato e domenica scorse.
In azione una piccola task force di venti funzionari dell’Agenzia delle Entrate di Teramo a Campo Felice. Controlli a tappeto in cinque ristoranti e alberghi, un nolo sci e una scuola sci. Proprio quest’ultima è stata colta sul fatto per non aver emesso una ricevuta fiscale.
Invece una bella batosta è quella che si vedrà arrivare il gestore di un rifugio sulle piste dove il controllo ha stanato cinque lavoratori in nero: per ogni lavoratore irregolare è prevista una multa di circa 12 mila euro. Non sono mancate le reazioni piccate del gestore andato in escandescenze contro i funzionari.
Non solo nel rifugio, ma anche in un albergo ristorante le pietanze erano cucinate da un cuoco tenuto in nero. Ma lì la reazione del gestore pare essere stata nettamente diversa: cordialità e collaborazione. In fondo sono solo controlli di routine.
In generale i controlli si sono svolti con garbo e gentilezza sia da parte dei funzionari che da parte dagli esercenti già messi in guardia dai controlli seriali negli ultimi tempi. Non si sono verificati problemi con l’utenza e le attività degli esercizi non sono state fermate.
Le verifiche non si esauriscono nel tempo di una giornata, ma l’Agenzia delle Entrate ha acquisito i libri contabili e procederà al controllo approfondito confrontando i fatturati di quest’anno e quelli dello stesso giorno dell’anno precedente. Ed è in questi casi che si trovano i dati più interessati come il boom di incassi di Cortina e Roccaraso (140% in più nel giorno dei controlli).