PESCARA

Asl Pescara, sospese le elezioni Rsu: il giudice da' ragione alla Uil Fpl

Era stata esclusa la lista per presunti errori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3096

Asl Pescara, sospese le elezioni Rsu: il giudice da' ragione alla Uil Fpl
PESCARA. Il Giudice del lavoro di Pescara ha accolto le richieste della Uil Fpl, difesa dagli avvocati Lorenzo Fabri e Stefano Dell’Osa, ed ha ordinato – inaudita altera parte, cioè senza nemmeno ascoltare la controparte - la sospensione delle votazioni per la Rsu della Asl di Pescara.

Il ricorso della Uil Fpl era stato inoltrato d’urgenza dopo la sua esclusione decisa dalla Commissione elettorale definita «persecutoria» dal segretario provinciale Francesco Marcucci. I componenti di questa Commissione elettorale saranno ascoltati il 15 marzo prossimo in Tribunale e dovranno spiegare il perché della loro decisione di escludere la Uil Fpl.
La polemica era nata perché secondo la commissione elettorale la lista presentata dalla Uil Fpl era compilata in modo errato e poco chiaro, con cancellature, senza data di nascita e senza firme autenticate.
 Cose peraltro non richieste, spiega la Uil Fpl, dalla circolare Aran che regolamenta queste elezioni sindacali. Addirittura è proprio l’Aran, l’agenzia che è competente per i contratti del pubblico impiego, a suggerire di utilizzare il buon senso per sopperire ad eventuali irregolarità formali ininfluenti, trattandosi di elezioni interne ed essendo importante solo la firma del presentatore della lista. Dunque secondo Marcucci, «la Commissione elettorale ha commesso un gravissimo ed evidente errore procedurale ed ha deciso una cosa che esula dai suoi poteri».
 Sarebbe perciò bastato assegnare un congruo lasso di tempo per regolarizzare quanto rilevato di irregolare, ed invece così sono state sospese le elezioni.
«E’ stata una vittoria del buon senso contro la prevaricazione di un diritto – commenta Marcucci – non avevamo dubbi sulla regolarità del nostro operato. Ci spiace di questo ritardo per la Rsu, ma sarà un motivo di più per far votare i nostri simpatizzanti».

UGL: «FIDUCIA NELL’OPERATO DEL GIUDICE»
In merito a quanto apparso sulla stampa il Segretario UGL Pescara Gianna De Amicis, che conferirà incarico difensivo all’avv. Gaetano Mimola del Foro di Pescara per difendere le ragioni della Sigla che rappresenta, ritiene doveroso porre alcune precisazioni:
«L’Ugl  ripone enorme fiducia nell’operato del Giudice del Lavoro», commenta il sindacato in una nota. E ritiene che sia stato «più che ragionevole», per evitare potenziali errori, decidere “quantomeno alla luce delle argomentazioni esposte nel ricorso introduttivo” di sospendere le elezioni previste per i giorni 5-7 Marzo. «Non foss’altro perché», spiegano, «così sarà permesso a tutte le parti in contesa di dire la loro all’udienza del 15 Marzo.  Vale la pena a questo punto di ricordare uno degli ultimi episodi accaduti in tema di elezioni delle RSU.  Nell’ottobre 2010, nel corso delle elezioni della RSU della Wassermann di Alanno, all’Ugl fu negata l’elezione del suo candidato. Per quasi un anno l’attività dell’RSU in Wassermann è continuata senza la presenza del candidato UGL. Sotto gli occhi di tutti il danno provocato all’OOSSL non solo in termini di immagine, ma soprattutto sostanziali, perchè in quell’azienda erano stati firmati anche degli accordi dalle rappresentanze RSU senza la presenza del nostro candidato.  Il ricorso al giudice del lavoro ha dato ragione all’UGL. Come si conviene a chi non è abituato a millantare atti persecutori (sebbene potevano esserne ravvisati gli estremi) ha ritenuto chiusa la partita con il solo reinserimento del proprio candidato».


                  

sentenza ricorso elezioni rsu asl pescara