PESCARA

Danni e responsabilità comunale: in due anni infortuni dimezzati

Nel 2009 risarciti 651 incidenti, nel 2011 358

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3025

 Danni e responsabilità comunale: in due anni infortuni dimezzati
PESCARA. Cade un albero e danneggia una auto in sosta, una mattonella fuori posto fa inciampare un cittadino che finisce all’ospedale, vola un cartello stradale e procura un danno.

Sono decine i casi di infortunistica che vedono al centro la responsabilità oggettiva del Comune, cioè quei casi per cui la legge stabilisce un risarcimento danni a carico delle casse comunali. La ratio è semplice poiché si presume che il Comune debba fare ordinaria manutenzione sempre e sempre meglio, così che non possano crollare alberi, non vi siano buche o mattonelle fuori posto e dunque non vi siano cittadini infortunati o danneggiati costretti a rivolgersi al giudice per ottenere un congruo risarcimento danni.
I dati che saranno presentati al sindaco Luigi Albore Mascia dall’ufficio manutenzioni del Comune segnano una netta inversione di tendenza ed un sostanziale risparmio per le casse pubbliche (e per quelle della assicurazione dell’ente, la Mediass).
Nel 2009, infatti, i casi che davano noie al Comune con relativa causa giudiziale e liquidazione di danni erano 651 per un totale di risarcimenti pari a 532.654,97. Nel 2010 gli infortuni segnalati e risarciti sono stati 632 pari a 267.130 mila euro liquidati. Il salto di qualità è stato compiuto nel 2011 poiché gli infortuni segnalati sono stati appena 358 cioè con buona approssimazione il 50% in meno di due anni prima per un valore finora liquidato pari a 33mila euro (dato che probabilmente è destinato a salire man mano che saranno pagati tutti i casi).
Il pool di dipendenti comunali che lavorano nell’ufficio manutenzione, coordinati dal dirigente Pierpaolo Pescara, hanno compiuto un lavoro che evidentemente ha dato i suoi frutti da quando nel febbraio 2011 è stato costituito il gruppo di verifica che ha permesso di intervenire sulle situazioni segnalate in tempo ed evitare l’acuirsi di piccole e grandi vulnerabilità.
Per il 2012 l’obiettivo è quello di abbassare ulteriormente il numero degli infortuni provocati per consolidare un ulteriore risparmio di fondi pubblici.Il report completo sarà presentato in Comune nei prossimi giorni.