IL SALVATAGGIO

Tratto in salvo escursionista aquilano. Si cerca l’amico

La richiesta di aiuto scattata domenica pomeriggio

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4284

Tratto in salvo escursionista aquilano. Si cerca l’amico
L’AQUILA. Raggiunto nella notte uno dei due escursionisti dispersi sul Gran Sasso

E' stato raggiunto dopo la mezzanotte dalle squadre di soccorso, l'escursionista aquilano bloccato da domenica pomeriggio sul Gran Sasso a causa del maltempo.
Portato a Campo Imperatore, è stato visitato dal medico del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico che lo ha trovato in buone condizioni. L'escursionista, aveva potuto comunicare al telefono con i soccorritori già dal pomeriggio, quando era riuscito a raggiungere il rifugio Garibaldi. L'abbondante neve gli impediva di entrare nel locale di ricovero per cui si stava riparando fuori dal rifugio in attesa dei soccorsi.
Ieri pomeriggio sono entrati in azione i tecnici del Corpo Nazionale soccorso alpino e speleologico dell'Abruzzo, unitamente al Soccorso Alpino Guardia di Finanza e Soccorso Alpino Forestale, coordinati dal delegato Alpino del Cnsas abruzzese.
Le squadre, partite dai Prati di Tivo, hanno raggiunto il rifugio Garibaldi, ma nel frattempo l'escursionista era riuscito a raggiungere da solo il rifugio Duca degli Abruzzi (2388 metri) da cui ha avvertito i soccorritori.
Una squadra è quindi partita da Campo Imperatore per raggiungerlo e portarlo in salvo.
Proseguono sui due versanti del Gran Sasso le ricerche di M.G., l'altro escursionista che era insieme a P.S. e di cui mancano le notizie da domenica pomeriggio, quando dalla vetta occidentale del Corno Grande ha richiesto aiuto con il telefonino.
Le condizioni meteorologiche sono critiche per il forte vento e la scarsissima visibilità.