MONTESILVANO

Sequestrato il ‘Popolo della notte’ di Montesilvano

Stamattina la Squadra Mobile di Pescara è entrata in azione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4946

Sequestrato il ‘Popolo della notte’ di Montesilvano
MONTESILVANO. Le indagini sono scattate a seguito di alcuni esposti presentati dai cittadini

Questa mattina, la squadra Mobile di Pescara ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, per il reato di disturbo della quiete pubblica, emesso dal gip Gianluca Sarandrea su richiesta del pm Valentina D’Agostino, nei confronti del gestore della Dimy Bar snc, esercente del ‘Popolo della Notte’ in Corso Umberto di Montesilvano.
L’attività di indagine è scaturita dai numerosi esposti presentati da decine di cittadini residenti nella zona, sia singolarmente, sia riuniti nel “Comitato Cittadini Montesilvano Sud” che, anche tramite raccolte di firme, avevano a più riprese segnalato problemi di varia natura. Secondo il racconto dei residenti negli ultimi sei anni, ogni notte, i numerosi avventori del locale, dopo aver consumato notevoli quantità di alcol, litigano fra di loro con urla e schiamazzi e sporcano dappertutto, vomitando ed urinando per strada, sul marciapiede antistante e davanti le porte di alcune abitazioni. In una circostanza, uno dei residenti ha addirittura rinvenuto davanti la porta di casa un bossolo di pistola.
Per un periodo di tempo, è stata svolta un’accurata attività di monitoraggio del locale, mediante ripetuti passaggi del personale della Volante, finalizzata a verificare gli orari di apertura del bar e il flusso degli avventori. Ciò ha consentito di riscontrare la fondatezza degli esposti, in quanto è stata accertata più volte l’apertura del locale fino a notte fonda, anche negli orari di chiusura, con una massiccia presenza di clienti.
Anche se all’interno del locale il titolare ha esposto un cartello in cui si raccomanda alla clientela di non sostare di fronte all’ingresso e di non arrecare disturbo ai residenti, tuttavia è stato accertato che il titolare dell’esercizio non si è mai adoperato per evitare i disagi segnalati, soprattutto attraverso il rispetto degli orari di chiusura.