L'AQUILA

Latitante arrestato a L’Aquila, dovrà scontare 4 anni di carcere

Associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione: questa l’accusa

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3116

Latitante arrestato a L’Aquila, dovrà scontare 4 anni di carcere
L’AQUILA. Non è sfuggito alla cattura dei poliziotti della Squadra Mobile della Questura di L'Aquila una vecchia conoscenza degli agenti della Seconda Sezione che si occupa dì criminalità straniera e prostituzione.


Si tratta di Francesco Piccirilli di 56 anni , commerciante in mobili, già noto per i numerosi precedenti di polizia anche per truffa. L'uomo è stato rintracciato in un appartamento di Santa Menna di Lucoli, L'Aquila dove, secondo le informazioni apprese dai poliziotti, da qualche tempo aveva lì fissato la sua dimora pur risultando di fatto residente altrove.
Questa mattina intorno alle 7 gli agenti della Polizia di Stato al termine di un servizio di osservazione lo hanno visto uscire dalla palazzina dove sospettavano potesse nascondersi. Dopo aver neutralizzato ogni eventuale via di fuga i poliziotti della Squadra Mobile lo hanno fermato e condotto in Questura dove poi gli hanno notificato un Provvedimento di carcerazione reso definitivo con sentenza della Corte di Cassazione lo scorso 13 gennaio. Dopo l'arresto Piccirilli è stato condotto presso la Casa Circondariale di L'Aquila.
Lì dovrà scontare 4 anni di reclusione poiché - all'esito di un lungo percorso processuale - è stato riconosciuto colpevole di appartenere ad una stabile associazione per delinquere finalizzata nello sfruttamento della prostituzione, attiva a cavallo fra gli anni 2001 e 2002 in Pizzoli dove, peraltro, l’uomo avrebbe partecipato alla gestione di un noto "night club".
Nel confermare la condanna d'Appello del Corte d'Appello di L'Aquila , la Suprema Corte ha, di fatto, convalidato anche l'espiazione delle pene accessorie di interdizione dai Pubblici uffici per 5 anni.
L'imputazione è la medesima che in concorso è stata contestata anche al pregiudicato Giampaolo Rossi di 54 , con precedenti di polizia, che lo scorso 25 gennaio gli investigatori della Seconda Sezione della Squadra Mobile di L'Aquila, dopo mirate ricerche, hanno rintracciato ella provincia di Viterbo per poi associarlo presso la Casa Circondariale della cittadina laziale.