ABRUZZO

Riciclaggio, Finanza abruzzese scopre 22 milioni di euro di patrimoni illeciti

546 le segnalazioni di operazioni sospette segnalate

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1898

  Riciclaggio, Finanza abruzzese scopre 22 milioni di euro di patrimoni illeciti
ABRUZZO. Nel 2011 sono stati svolti accertamenti antimafia nei confronti di 144 soggetti tra persone fisiche e giuridiche.

Sono state recuperate ricchezze illecitamente accumulate per oltre 23 milioni di cui circa nove milioni sottoposti a confisca definitiva, tra beni immobili e attività mobiliari. Le indagini hanno riguardato soprattutto persone gravate da sentenze per reati tipici di criminalità organizzata che presentavano situazioni patrimoniali non in linea rispetto ai redditi dichiarati.
Sul fronte dell’antiriciclaggio e del reinvestimento del denaro sporco le indagini, svolte d’iniziativa o su delega dell’autorità giudiziaria hanno portato alla verbalizzazione di 133 persone di cui 34 denunciate, sono stati operati sequestri patrimoniali per oltre 3 milioni di euro e riciclaggio accertato per 22 milioni di euro.
E’ questo il frutto di un lavoro che poggia anche su uno screening pre-investigativo delle 546 segnalazioni di operazioni sospette pervenute dall’Unità di informazione finanziaria attraverso il Nucleo Speciale di Polizia Valutaria. Di queste più del 40 % ha richiesto approfondimenti di indagine, fanno sapere dal comando Regionale Guardia di Finanza Abruzzo.
Ma il contrasto al riciclaggio passa anche per la lotta alla circolazione del denaro.
Sono state accertate complessivamente violazioni alla disciplina della circolazione del denaro contante per circa 6 milioni di euro, verbalizzati 310 persone e riscontrate 245 infrazioni, un numero che è destinato ad aumentare dopo che il recente decreto “salva Italia” ha ridotto ulteriormente il limite dei pagamenti in contante da mille euro in su.
Il contante rimane il pericolo principale attraverso cui si realizzano investimenti illeciti. Un vero e proprio circuito vizioso che alimenta settori criminali quali l’usura e il traffico di sostanze stupefacenti.
In quest’ultimo settore la Guardia di Finanza in Abruzzo ha denunciato 316 persone di cui 40 tratte in arresto e sequestrato oltre 21 kg di sostanze stupefacenti (in prevalenza eroina, cocaina, hashish e marjuana).
Le Fiamme Gialle abruzzesi, inoltre, hanno concluso 13 ispezioni sul rispetto delle norme antiriciclaggio che hanno portato a riscontrare violazioni amministrative rilevanti.