FOSSACESIA

Cadavere di una donna nel portabagagli di un’auto. «E’ suicidio». Il caso è chiuso

Il ritrovamento ieri pomeriggio. C'è anche una lettera di addio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7944

Cadavere di una donna nel portabagagli di un’auto. «E’ suicidio». Il caso è chiuso
FOSSACESIA. Era sparita lunedì scorso con la sua auto: l’hanno ritrovata ieri i carabinieri di Ortona, dentro al portabagagli della propria auto.

 Per il marito anche una lettera d’addio.
Il ritrovamento è stato fatto nel primo pomeriggio di ieri a Marina di Fossacesia, contrada la Penna. F.M. di 49 anni di Francavilla al Mare dopo essere sparita da casa avrebbe deciso di farla finita e di togliersi la vita. Lunedì si era allontanata da casa: il marito e i figli avevano lanciato subito l’allarme ed erano partite le ricerche. C’era grossa apprensione visto anche il freddo di questi giorni ma si è continuato a sperare fino all’ultimo. Fino a quando ieri i militari di Ortona hanno ritrovato l’auto, una Seat Ibiza, parcheggiata sulla vecchia linea ferroviaria di Fossacesia e hanno fatto il macabro ritrovamento nel baule. La signora si sarebbe tolta la vita così, chiudendosi da sola nel portabagagli. Un gesto disperato e complicato da fare da soli, ma al momento non ci sono dubbi che sia andata proprio così.
Le prime conferme che si tratti di suicidio arrivano anche dagli accertamenti esperiti dal medico legale dell’ospedale civile di Lanciano e dai carabinieri di Ortona, diretti dal capitano Gianfilippo Manconi. Non sarebbero stati trovati segni di violenza sul corpo.
Il decesso, dicono gli investigatori, è verosimilmente riconducibile ad un gesto volontario. L’ulteriore conferma arriverebbe dal biglietto scritto dalla donna al marito. Poche righe in cui ha spiegato il suo gesto. La procura della Repubblica di Lanciano che ha aperto un fascicolo, ha disposto il trasferimento della salma all’obitorio di Lanciano per gli ulteriori accertamenti. 

IL CASO E’ CHIUSO
Il caso è chiuso e per gli inquirenti non c’è alcun dubbio che si sia trattato di un suicidio. Anche l’ispezione cadaverica ha confermato che la donna si è tolta la vita da sola, dopo aver ingerito alcuni farmaci. Secondo quanto emerso in fase di indagine già in passato la donna aveva tentato di uccidersi, non riuscendoci. Nella precedente occasione a sventare l’insano gesto sono stati i carabinieri di Francavilla al Mare. Nell’auto, che la donna ha chiuso con il telecomando dopo essersi coricata nel vano porta bagagli, è stato trovato anche un libro che dovrà essere sepolto con lei, così aveva chiesto ai familiari. La salma verrà restituita nelle prossime ore ai familiari per  la celebrazione dei funerali. (Ultimo aggiornamento 18.20)