LA DIRETTA DELLA MATTINATA

Neve, ancora disagi a Chieti. A L'Aquila riprendono corse dell'Ama. Codici:«Fino a 1.000 euro di risarcimento per automobilisti intrappolati»

Ad Avezzano la sesta vittima per l'emergenza neve

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6352

Neve, ancora disagi a Chieti. A L'Aquila riprendono corse dell'Ama. Codici:«Fino a 1.000 euro di risarcimento per automobilisti intrappolati»
ABRUZZO. Sono passate quasi 60 ore e 129 famiglie di San Valentino sono ancora senza energia elettrica.

La denuncia arriva dal sindaco Angelo D’Ottavio, che ieri ha ricevuto più di una rassicurazione sull'imminente soluzione del problema ma fino ad ora nessuno ha saputo individuare una via d'uscita. Nei giorni scorsi il primo cittadino ha denunciato l’Enel che «si è difesa dicendo di aver tentato due volte di intervenire ma di essere stata impossibilitata per ragioni di viabilità, cioè per problemi avuti lungo la Tiburtina».

Eppure D’Ottavio assicura che la Tiburtina «è assolutamente percorribile come le strade provinciali e comunali del nostro territorio. Sarebbe stato più corretto da parte di Enel informarci della difficoltà incontrata nel riparare il guasto, facendo in modo di continuare ad erogare il servizio con uno o più gruppi elettrogeni. In questi casi è fondamentale la chiarezza, come prima cosa, e invece ai cittadini sono state fornite dai centralini Enel informazioni discordanti, alternate a lunghissime attese. Ma anche su questo avremo tempo e modo per fare chiarezza, e posso annunciare sin da ora che sarà promossa un'azione risarcitoria d'intesa con i cittadini. Restiamo in attesa della riattivazione del servizio», conclude il sindaco, «e nel frattempo continua il servizio promosso dall'amministrazione, d'intesa con i Carabinieri, per fornire assistenza alle famiglie, che devono soddisfare esigenze di ogni tipo, essendo senza candele o con le batterie dei telefonini scariche».
In tutto Abruzzo sono tante le zone ancora isolate a causa della neve: ad esempio il comune di Balsorano e altri 12 comuni della Valle Roveto. Si contano più di tremila persone senza energia elettrica in tutta la regione. Una situazione estremamente difficile mentre è previsto un nuovo peggioramento delle consizioni meteo che non fa ben sperare. 

10.20 – LA SEVEL FERMA UN ALTRO TURNO
La Sevel di Atessa a causa della neve, dopo lo stop di sabato scorso, ha fermato la produzione anche nel primo turno di oggi (ore 06-14). Per i prossimi turni verrà presa una decisione in mattinata. Tutto dipenderà dai tir che devono portare a destinazione alcuni pezzi ma che non riescono a raggiungere la Val di Sangro.

10.25 - CODICI ISTITUISCE SPORTELLO PER UTENTI DANNEGGIATI
Da questa sera è attiva la sala operativa di Codici Abruzzo per la tutela dei diritti di tutti quei cittadini coinvolti nella emergenza che sta interessando l’Abruzzo. L’associazione  ha istituito i seguenti recapiti 085.77.211 (attivo tutti i giorni dalle 9.30 alle 13,00 e dalle 16.00 alle 20.00) e 340.85.10.449 (attivo dalle 7.30 alle 24.00). Risponderanno legali e volontari dell’associazione pronti a fornire ogni tipo di supporto legale per tutelare i diritti di tutti quei cittadini vittime dei disservizi pubblici e privati legati all’emergenza neve.

10.47 – A MONTESILVANO A SCUOLA SOLO I PROF
Disagi e qualche imbarazzo nelle scuole di Montesilvano dove tutti i docenti sono dovuti andare in ufficio poiché l’ordinanza del sindaco interrompe soltanto l’attività didattica ma non chiude le scuole. «Oggi siamo qui tra mille problemi», racconta una insegnante a PrimaDaNoi.ti, «poiché non tutti i professori sono di Montesilvano e muoversi ancora oggi è molto difficile. Non capiamo il senso dell’ordinanza anche perché siamo qui, gli uffici sono aperti ma non c’è nessuno…». Un problema che sembra essere comune a tutti i plessi che oggi hanno dovuto aprire comunque.
 
11.12 -  CAMIONISTA TROVATO MORTO NEL MEZZO BLOCCATO AD AVEZZANO

Un camionista e' stato trovato privo di vita nella cabina del suo mezzo, incolonnato lungo la superstrada del Liri, alle porte di Avezzano, a causa della neve. Si tratta di un uomo di 68 anni, di Bologna. Per accertare le cause della morte sono intervenuti gli agenti del commissariato di Avezzano che stanno cercando di portare sul posto il medico legale. Continuano i disagi sulle strade della Marsica dove ci sono ancora paesi e localita' isolate e senza energia elettrica. Difficolta' soprattutto a Tagliacozzo, dove in alcune zone ci sono quasi due metri di neve e ad Avezzano, a causa del strade interne impercorribili.

11.40 -CONSIGLIO REGIONALE: RINVIATA LA SEDUTA DI DOMANI A PESCARA
E' stata rinviata a martedì prossimo 14 febbraio, la doppia seduta del Consiglio regionale in programma domani a Pescara. Lo ha deciso il Presidente Nazario Pagano, d'intesa con tutti i Capigruppo. «I problemi causati dal maltempo – spiega Pagano – avrebbero reso impossibile l'arrivo dall'Aquila sia dei Consiglieri, che del personale del Consiglio. A questo si aggiunge anche un previsto peggioramento delle condizioni meteo, con possibili e copiose precipitazioni a carattere nevoso sulla fascia costiera abruzzese». Il Presidente si è riservato, in base all'evolversi della situazione del maltempo, di rinviare anche le sedute delle Commissioni consiliari già fissate per mercoledì e giovedì all'Emiciclo. Una decisione sarà assunta nella giornata di domani.

12.22 – TORNATA LA LUCE A SAN VALENTINO
Dopo 60 ore di black out è tornata ieri sera l'energia elettrica in quella parte di San Valentino in Abruzzo Citeriore dove il servizio era interrotto da venerdì a causa della neve. Ne da' notizia il sindaco Angelo D'Ottavio che ieri sera ha accompagnato le squadre esterne dell'Enel entrate in azione per riparare il guasto. Il servizio e' stato riattivato alle 23.30. D'Ottavio ci tiene a ringraziare gli operai «che hanno lavorato di notte e a meno 2 gradi», ma nello stesso tempo annuncia che non si esclude «una class action dei cittadini» in relazione alla prolungata assenza di energia elettrica che ha interessato 129 famiglie.

12.40 – ACA RIPARA CONTATORI E TUBATURE
A Pescara la squadra di pronto intervento dell’Aca è impegnata nella sostituzione dei contatori danneggiati dal gelo registrato nelle ultime ore nei comuni di propria competenza. Il freddo registrato negli ultimi giorni, infatti, ha provocato pesanti gelate notturne che hanno causato la rottura di molti di questi strumenti soprattutto nei comuni situati ad alta quota come Roccamorice, Arsita, Bisenti, ma anche sulla costa, come Pescara e Montesilvano, sia nelle aree centrali che collinari. In queste ore i tecnici dell’Aca sono già intervenuti in diverse zone per sostituire i contatori rotti e, nel giro di due giorni al massimo, saranno installati strumenti nuovi in tutti i comuni interessati dal problema. Proprio per evitare il ripetersi del disagio, invitiamo gli utenti a un’attenta manutenzione dei contatori, che devono essere coperti da materiale isolante che li ripari dal gelo. In alcuni sopralluoghi effettuati, infatti, i nostri operai hanno rilevato la totale assenza della cassetta di protezione del contatore, causa principale dei danni provocati dalle gelate”.
Numerose anche le segnalazioni da parte di utenti residenti a Pescara, in particolare nella zona Colli come via Gaspari dove sono stati registrati lievi cali di pressione idrica dovuti alla rottura di alcune tubature sempre a causa del freddo degli ultimi giorni. La squadra di pronto intervento dell’Aca è già intervenuta in varie zone per monitorare la situazione e riparare i guasti rilevati.

12.42 – MEDICI SOSPENDONO LO SCIOPERO
La Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale di Teramo, considerato lo stato di emergenza della Provincia e di tutta la Regione, comunica la sospensione dello sciopero ( 9 e 10 febbraio per la medicina generale e 11 e 12 febbraio per la Continuità assistenziale e 118). Pertanto, in questi giorni, l’attività sarà svolta in modo regolare.

12.44 – PESCARA RAMI E GHIACCIO PROBLEMI DA RISOLVERE
Restano il ghiaccio e i rami spezzati degli alberi il primo problema da affrontare nel quarto giorno di emergenza neve a Pescara. Per ora restano chiusi al traffico via Palizzi e il tratto di via D’Avalos compreso tra via Pepe e l’Aurum, mentre stamane è stata liberata via De Titta, via Scarfoglio, via De Cecco.
In viale Kennedy il Comune è intervenuto per rimuovere un albero adagiato su un cavo dell’alta tensione. Si è in attesa dell’Enel per intervenire a San Silvestro dove un’altra pianta ha creato un problema su un palo della luce. Nella tarda mattinata è prevista una riunione presso il Centro Operativo Comunale per decidere sui provvedimenti da assumere per scuole, palazzetti e parchi.
A seguire l’emergenza l’assessore alla Protezione civile Berardino Fiorilli.

 

12.59 - LA CIA D’ABRUZZO:«AGRICOLTURA IN GINOCCHIO. AZIENDE ISOLATE»
Con una nota inviata all’Assessore all’Agricoltura Mauro Febbo, Domenico Falcone, Presidente della CIA d’Abruzzo, ha sollecitato la richiesta dello stato di calamità naturale. Le abbondanti nevicate e le gelate che hanno colpito tutto il territorio regionale «hanno arrecato gravissimi danni all’agricoltura abruzzese». Falcone segnala che centinaia di aziende agricole sono ancora isolate. E’ paralizzato il trasporto di latte, ortaggi e verdure. Da una prima ricognizione, effettuata dal personale degli uffici territoriali della CIA, sono stati segnalati gravi danni sia alle strutture aziendali: stalle, fienili, rimesse attrezzi, serre, che alle coltivazioni arboree: oliveti, vigneti, frutteti.
Oltre ai danni causati dalla neve, Falcone evidenzia il rischio derivante dalle gelate che potrebbero compromettere i futuri raccolti di frutta, ortaggi e verdure e sottolinea il disagio di tantissimi allevamenti impossibilitati all’approvvigionamento di foraggio e mangimi.
«La situazione dell’agricoltura è drammatica»




12.59 – L’AQUILA: «NON USATE LE AUTOMOBILI»
Nuovo appello da parte del sindaco Massimo Cialente che ha disposto la chiusura delle scuole fino a giovedì: «in caso di nevicate è sconsigliato utilizzare autovetture private allo scopo di non ostacolare i mezzi del servizio neve e di mettersi in marcia soltanto in caso di assoluta necessità». Lo stesso Primo cittadino conferma che è attivo il Piano di Protezione Civile Comunale con sede negli uffici di Villa Gioia.

13.00 -  AMA RIPRISTINA CORSE
L’Ama (Azienda per la mobilità aquilana) rende noto che è stato ripristinato il servizio di trasporto pubblico urbano, seppure in forma ridotta e compatibilmente con le condizioni di viabilità delle strade. Per informazioni sulle corse effettuate, sugli orari e sui tempi di attesa alle fermate gli utenti possono contattare il numero verde 800 366 999, oppure consultare il sito dell’azienda all’indirizzo web www.ama.laquila.it.
Al momento l’Ama segnala che si stanno effettuando le corse da e per le frazioni di: Assergi, Camarda, Paganica, Tempera, Bazzano (linee 6 – 106 – 108), Civita di Bagno, Bagno Piccolo, Bagno Grande, Bivio di Pianola (linea 10), Pianola, Roio, Genzano (linea M 11), Sassa, Brecciasecca, Colle Sassa, San Martino, Prata, Peschiolo, Foce di Sassa (linee 12, 12A, M12A, limitatamente alla strada provinciale Amiternina), Arischia, Cermone, Cansatessa (linea 15, limitatamente alla strada statale 80), San Gregorio, Fossa, Monticchio, Civita di Bagno (linea 16, limitatamente alle strade statali e provinciali), Coppito (progetti Case 1 e 2), Preturo, Cese, Sassa Stazione, Sassa nucleo industriale (linea 13, sempre limitatamente alle strade statali e provinciali, che prosegue fino al terminal bus di Collemaggio). Riattivate anche la linea M1 (Filetto, Pescomaggiore) e la linea 104.
L’azienda rende noto, inoltre, che sono state ripristinate le linee di trasporto urbano 80, 99 e 92, che seguono gli itinerari ordinari, con transito in via Strinella. Gli autobus dell’Ama sono a disposizione, sul piazzale della Stazione, per il servizio di coincidenza con i treni in arrivo e in partenza dal capoluogo.

13.01 – CODICI: «FINO A MILLE EURO DI RISARCIMENTO»
In queste ore l’associazione di consumatori Codici sta raccogliendo le prime denunce di quanti sono rimasti intrappolati in auto e nei pullman per oltre 24 ore a causa della chiusura dei tratti dell’A24 e A25 ma anche utenti costretti a vivere diverse ore senza acqua o corrente elettrica. «Stiamo seguendo al momento una decina di casi in tutta la regione», spiega il segretario provinciale Domenico Pettinari, «e chiederemo per ciascun utente danneggiato e abbandonato a se stesso fino a 1.000 euro di risarcimento. Proprio in queste ore stiamo facendo partire delle lettere di messa in mora indirizzate ai gestori autostradali ma anche ad Enti pubblici e società di energia con le quali rappresentiamo i dati dei nostri assistiti e chiediamo un giusto ristoro del danno quantificato secondo i nostri parametri». Si calcolano richieste fino a mille euro per le persone intrappolate in auto.
«Se non viene accettato dalla controparte quanto da noi richiesto», spiega ancora Pettinari, «al termine della scadenza della messa in mora (15 giorni-30) agiremo in giudizio nei confronti dei responsabili dei disagi».  L’associazione  ha istituito i seguenti recapiti 085.77.211 (attivo tutti i giorni dalle 9.30 alle 13,00 e dalle 16.00 alle 20.00) e 340.85.10.449 (attivo dalle 7.30 alle 24.00).

13.12 – RIAPERTA STRADA A PIANELLA
La strada provinciale Santa Teresa-Pianella SS81, nel tratto Sant’Angelo in prossimità della chiesa di Santa Maria Maggiore, è stata riaperta questa mattina, appena terminato l’intervento di messa in sicurezza effettuato dai Vigili del Fuoco in collaborazione con la Polizia Municipale, guidata dal Comandante Cinzia Leonzio, e i Carabinieri, guidati dal Comandante Francesco Ecembrotto.

13.20 - CHIETI AUTO CON MEGAFONO:«SPOSTATE LE AUTO PARCHEGGIATE». CITTADINI INFURIATI
«Bisogna togliere le auto parcheggiate negli stalli di sosta libera per favorire la pulizia delle strade». E’ più o meno questo il messaggio che una macchina con megafono a Chieti sta lanciando alla cittadinanza. In pratica bisognerebbe spostare tutte le auto che sono parcheggiate lungo i cigli delle strade e che al momento sono invase dalla neve e bloccate da cumuli alti anche più di un metro. Nei giorni scorsi i bobcat del Comune hanno infatti accumulato ai margini delle strade la neve tolta a fatica dal manto stradale. Numerose le telefonate al centralino della polizia municipale di cittadini che hanno chiesto spiegazione. Dell’annuncio tuttavia pare che i vigili urbani non sapessero nulla. Ad ogni modo restano gli interrogativi dei residenti di Chieti alta: «Primo: come facciamo a spostare le auto se sono bloccate dalla neve; secondo: come facciamo a muoverci se le strade non sono ancora pulite; terzo: dove mettiamo le auto che dovremmo spostare?»

13.59 – NUOVO STOP TRENITALIA
A causa  della neve chiuse le linee (secondarie) Terni, Sulmona (tra Antrodoco e L'Aquila) Roccasecca, Avezzano.