SAN GIOVANNI TEATINO

Ancora furti di rame: «preoccupante regolarità»

Problema di sicurezza, oltre che di legalità

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2345

Ancora furti di rame: «preoccupante regolarità»
Negli ultimi giorni sono sparite griglie di ferro per la raccolta delle acque meteoriche e chiusini di ghisa sia della rete fognaria sia della linea di pubblica illuminazione.

SAN GIOVANNI TEATINO. Negli ultimi giorni sono sparite griglie di ferro per la raccolta delle acque meteoriche e chiusini di ghisa sia della rete fognaria sia della linea di pubblica illuminazione.
Non si fermano i furti notturni di materiale metallico che garantisce la sicurezza di strutture pubbliche come le linee della raccolta di acque meteoriche e della rete fognaria: anche in questi giorni, infatti, sono spariti dalla sede stradale una griglia in ferro per raccolta acque meteoriche posta su via Monte Rosa, all'altezza di via D'Aurelio, tre chiusini in ghisa delle rete delle acque nere e bianche in via Lago di Garda, un chiusino in ghisa della linea pubblica illuminazione e un chiusino in ghisa delle rete di raccolta delle acque meteoriche, insistenti entrambi sulla via D'Ilio.
La scoperta è stata effettuata dalla Polizia Municipale che, dopo aver constatato l’accaduto ed aver denunciato il fatto alla Procura, ha allertato il Servizio Lavori Pubblici per la verifica dei danni e la predisposizione delle opere di ristrutturazione.
«Si ripetono ormai con preoccupante regolarità – ha dichiarato il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici, Giorgio Di Clemente – i furti di materiale metallico su tutto il territorio comunale: al di là del pur grave aspetto economico, che pesa non poco sulle casse municipali, occorre considerare la situazione di pericolo che tali azioni determinano sulle strade, creando improvvise buche non segnalate, pericolosissime per la circolazione. Stiamo cercando di velocizzare al massimo il ripristino di chiusini, griglie e caditoie, ma ci sono tempi tecnici da rispettare».
«Il nuovo attacco al patrimonio comunale – ha chiosato il sindaco, Luciano Marinucci – richiama noi e ciascun cittadino a vigilare ancora di più sul territorio e su quel complesso di strutture ed infrastrutture necessarie che è proprietà di tutti: invito chiunque notasse qualcosa di sospetto a segnalarlo immediatamente a chi di competenza così da scoraggiare il ripetersi di questi gravi episodi».