ATESSA

Droga e pistole in casa, 45enne arrotondava così la pensione

Decisiva una perquisizione in casa

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4308

  Droga e pistole in casa, 45enne arrotondava così la pensione
Appostamenti di diversi giorni sotto casa poi una perquisizione ha inguaiato un 45enne già pensionato che deteneva pistole e droga.

 ATESSA. Appostamenti di diversi giorni sotto casa poi una perquisizione ha inguaiato un 45enne già pensionato che deteneva pistole e droga.
Si tratta di Mauro Tucci il quale è stato arrestato giovedì' sera dai carabinieri per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e possesso illegale di arma da fuoco.
 I militari, che gia' da tempo seguivano l'uomo per lo strano via vai di persone nella sua abitazione, si sono finti postini per entrare in casa dell'ex muratore dove la sera prima c'era stata una festa per il suo 45simo compleanno.
Entrando in casa i carabinieri hanno trovato e sequestrato 250 grammi di cocaina, oltre 10 dosi gia' pronte per lo spaccio, 50 grammi tra hashish e marijuana per un valore di circa 25 mila euro, circa 1.000 euro in banconote, un'arma da fuoco calibro 7,65 con colpo in canna e oltre 50 proiettili non regolarmente detenuta, una pistola scacciacani priva del tappo rosso e vari coltelli, tra cui un machete.
 L'uomo ha ammesso ai carabinieri di spacciare droga per «arrotondare la magra pensione». Il sequestro e' stato convalidato dal gip del tribunale di Lanciano, mentre a condurre le indagini e' il pm Ruggiero Dicuonzo in collaborazione con i carabinieri della compagnia di Atessa.
«Non pensavamo di trovarci di fronte a uno scenario del genere - ha detto nel corso della conferenza stampa il tenente Antonio Moramarco - l'uomo era noto per reati analoghi ma negli ultimi tempi evidentemente c'e' stato un salto di qualita'. Le attivita' investigative vanno avanti», ha concluso Moramarco. Tucci, attualmente nel carcere di Lanciano in attesa dell'interrogatorio di garanzia, e' difeso dagli avvocati Elvezio Caporale e Mirko D'Alicandro.