ABRUZZO

Tir, concluso lo sciopero. Due denunciati. Lunedì la Sevel riparte

Un autotrasportatore si sente male dopo una litigata

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1481

Tir, concluso lo sciopero. Due denunciati. Lunedì la Sevel riparte
I mezzi pesanti questa mattina si sono rimessi in marcia e la situazione sta tornando lentamente alla normalità in tutta la regione.


TERAMO. I mezzi pesanti questa mattina si sono rimessi in marcia e la situazione sta tornando lentamente alla normalità in tutta la regione.
Nel teramano le uscite A/14 di Mosciano S.Angelo, Val Vibrata, Roseto degli Abruzzi e solo saltuariamente Pineto hanno visto concentrarsi nei diversi giorni una media di un centinaio di Tir in sosta e di una ventina di autotrasportatori ai presidi in cui distribuivano volantini con il contenuto della protesta, sotto il controllo di unità della Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Corpo Forestale dello Stato.
Pochi i momenti di tensione. A Val Vibrata lunedì scorso il conducente di un mezzo, fermato dai dimostranti, è stato colpito al volto ma l’intervento dei militari dell’Arma presenti ha consentito di individuare il responsabile e deferirlo all’autorità giudiziaria. Martedì un autotrasportatore ha investito uno dei manifestanti, senza provocare alcuna lesione, e si è allontanato. La Polizia Stradale lo ha individuato e anch’egli è stato denunciato. Mercoledì un autotrasportatore è stato accompagnato al nosocomio di S.Omero a seguito di un malore occorsogli per un diverbio con alcuni dimostranti. Nessun blocco della circolazione si è verificato e solo saltuariamente vi è stato un temporaneo rallentamento della circolazione nei pressi delle uscite.
Il personale delle Forze di Polizia in servizio ha assicurato a tutti gli autotrasportatori, che ne avessero reale intenzione, di lasciare i presidi. Nel teramano non si sono fermati né autocisterne di carburante né tir con derrate alimentari.
Sono stati assicurati dalla Polizia Stradale servizi di scorta a mezzi di enti, aziende e società della provincia ogni qualvolta ne abbiano segnalato alla Questura l’esigenza o, comunque, abbiano espresso timori di blocchi lungo le arterie viarie da percorrere: dal trasporto di animali alle cisterne per la distribuzione del carburante per impianti vari e per gli autobus extraurbani, dalle derrate alimentari ai concimi, ai mezzi della nettezza urbana, a materiale vario.

LUNEDI’ RIPARTE LA SEVEL
Lunedì marrina ripartirà anche la produzione alla Sevel di Atessa dove da 4 giorni c’è il blocco totale e una mancata produzione di circa 4.000 furgoni 'Ducato' per lo sciopero dei Tir. L'azienda ha comunicato lo stop alla produzione anche per oggi, sia nel turno pomeridiano che per quello notturno: sono in totale 12 i turni saltati per lo sciopero degli autotrasportatori, «turni e quindi furgoni che verranno recuperati come previsto dal nuovo contratto non essendo dipeso lo stop dalla volontà dell'azienda».
I circa 100 mezzi pesanti che hanno sostato da domenica sera a ieri lungo la Fondovalle Sangro non hanno consentito la regolare consegna di alcuni pezzi fondamentali per il montaggio del Ducato.

MEZZI PESANTI SULLE STRADE ANCHE DOMENICA
I mezzi pesanti potranno circolare domenica prossima. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, «al fine di favorire la ripresa delle attivita' produttive legate alla movimentazione delle merci sul territorio nazionale», con un decreto datato 26 gennaio ha disposto la «revoca del divieto di circolazione per la giornata di domenica 29 gennaio per i veicoli per il trasporto di cose con massa complessiva superiore alle 7,5 tonnellate, che di conseguenza dalle ore 08.00 alle 22.00 potranno viaggiare regolarmente». A comunicarlo e' Viabilita' Italia, che rileva come sia «decisamente migliorata» la situazione della circolazione in corrispondenza dei punti della rete viaria nazionale ove sono allestiti i presidi di autotrasportatori in protesta.