PESCARA

La rotatoria Paolucci diventa una piazza

Ecco le immagini di come sarà

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4949

Come sarà la rotonda

Come sarà la rotonda

Una fontana con zampilli d’acqua luminosi alti sino a tre metri.


PESCARA. Una fontana con zampilli d’acqua luminosi alti sino a tre metri.
E poi una pista ciclabile che correrà tra il verde, sedute e panchine per trasformare la rotatoria Paolucci in una vera ‘piazza’.
Sono ufficialmente partiti i lavori di riqualificazione e riorganizzazione della rotatoria Paolucci, sulla riviera nord, il terzo cantiere ‘strategico’ dell’ amministrazione Mascia.
La nuova piazza Paolucci ospiterà esclusivamente una mobilità pedonale e ciclabile, dunque niente più auto, e dal punto di vista compositivo «nasce da un gioco geometrico tra una circonferenza e un’ellisse», ha spiegato il sindaco. La piazza di forma ellittica racchiusa dalle sedute lato monti contiene a sua volta altre due ellissi che ruotano, si alzano, si inclinano, dando forma a diversi elementi, ossia una passeggiata con gradini, una fontana e un’ulteriore piccola piazza. La passeggiata, che sul disegno ricorda la figura geometrica di un nautilus marino, continua il sindaco, forma un percorso con gradini e rampe attorno alla doppia fontana che contiene giochi d’acqua luminosi colorati ed è delimitata da una seduta sul lato mare e dalla fontana con gli zampilli sul lato strada. La passeggiata penetra all’interno della seconda ellisse che, a sua volta, contiene gli elementi luminosi e i giochi d’acqua e si trasforma in una piazza nella piazza, un luogo più raccolto in cui è possibile sostare, sedersi, conversare circondati da zampilli d’acqua alti sino a 3 metri da un lato e dai tubi colorati illuminati a led verso il lato della pista ciclabile.
«Sottolineiamo subito», spiega il primo cittadino, «che, come nel caso del progetto di via Firenze-via Cesare Battisti, tutte le aree di camminamento e i luoghi di sosta sono stati progettati per essere fruiti anche da persone in carrozzella e portatori di handicap». La sezione pedonale, sul lato mare, subirà un lieve restringimento a seguito della pista ciclabile e delle nuove aiuole lato mare, ma con una larghezza comunque utile di passaggio ampiamente sovradimensionata al volume di traffico pedonale presente in questo tratto di riviera. Tutto il sistema della piazza è sovrastato dal busto di Raffaele Paolucci che sarà riposizionato in modo più arretrato, in asse visuale con via Cavour su un basamento monolitico su cui sarà risistemato il monumento stesso.
Dietro la statua ci sarà la passeggiata lato mare della piazza che raccorderà i due tratti di riviera, costeggiata anche da un giardino con alberature ombreggianti. La pista ciclabile sarà «un percorso sinuoso integrato con il nuovo disegno delle aiuole e che si collegherà in modo naturale nella nuova riviera nord». La pista sarà anche delimitata a terra da luci a led che avranno anche la funzione di segnalatori.
La fontana lato strada è caratterizzata da 12 elementi luminosi cilindrici inclinati, di altezza pari a 250 centimetri, realizzati in metacrilato opaco colorato e base in acciaio inox, tubi forniti internamente di led ad alta luminosità e basso consumo. I materiali usati saranno la pietra quarzoarenaria nelle sue varie colorazioni, sfumature e dimensioni, contrastata da pietre di colore scuro, e di colore chiaro, come travertino. Inoltre verrà usato il travertino color noce e beige. «L’elemento innovativo dal punto di vista normativo – ha ancora detto il sindaco Albore Mascia - sarà la trasformazione della strada in ‘zona 30’ dalla piazza in direzione di Montesilvano, ossia una zona di rispetto in cui l’automobilista è ‘ospite’ del pedone e non può raggiungere e superare la velocità dei 30 chilometri orari. Il costo dell’opera rientra nel progetto della riviera nord, per 1milione e mezzo di euro di investimenti complessivi».
Il cantiere è ufficialmente aperto: due giorni fa sono state posizionate le transenne e l’intervento è stato affidato all’impresa Di Prospero di Pescara. Si partirà con la demolizione della sovrastruttura del marciapiede e dei cordoli di cemento; quindi il riposizionamento all’interno della piazza del busto dedicato al tenente Paolucci.