TERAMO

Lavori agli argini del torrente Vezzola, Wwf:«continua la distruzione»

Ruspe al lavoro e vegetazione tagliata

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2010

I lavori nel torrente Vezzola

I lavori nel torrente Vezzola

In questi giorni, a seguito di lavori che dovrebbero essere finalizzati alla ricostruzione della pista ciclabile, il Torrente Vezzola è stato preso d’assalto dalle ruspe.

TERAMO. In questi giorni, a seguito di lavori che dovrebbero essere finalizzati alla ricostruzione della pista ciclabile, il Torrente Vezzola è stato preso d’assalto dalle ruspe.
Direttamente nell’alveo, i mezzi stanno distruggendo la vegetazione delle sponde, procedendo ad una canalizzazione del torrente.
Non è la prima volta che si interviene su un corso d’acqua della provincia e si scatenano le proteste degli ambientalisti per i criteri adottati.
«Gli unici vantaggi», dice oggi il Wwf, «sono evidentemente per chi progetta tali opere e per chi le realizza, distruggendo un ecosistema naturale e spendendo inutilmente soldi pubblici. Nel farlo si va contro le stesse disposizioni normative regionali e nazionali che prevedono interventi di tutt’altro genere e vietano di procede alla distruzione della fascia vegetazionale lungo i fiumi.
«Più volte, negli ultimi anni, il WWF è intervenuto denunciando la distruzione di fiumi e torrenti che vengono completamente deviati, risagomati e privati della vegetazione», dichiara Dante Caserta, consigliere nazionale del WWF Italia.
«Le medesime critiche a questo tipo di opere sono arrivate anche dall’Ordine degli Architetti e dall’Ordine dei Geologi. Mentre una serie di professori dell’Università di L’Aquila hanno evidenziato la dannosità di operare in questo modo. Pubblicamente abbiamo chiesto più volte alle amministrazioni che autorizzano tale tipo di interventi di trovare l’occasione per un confronto tecnico su come operare sui corsi d’acqua. Nessuno, infatti, pensa che non si possa o debba rendere più sicuri fiumi e torrenti, ma è certo che operare in questo modo è inutile e dispendioso».
«Il quadro che offre in questi giorni quello che dovrebbe essere il parco fluviale del Vezzola è desolante»,aggiunge il Wwf, «il torrente viene devastato, le strutture presenti sono in totale abbandono e riempite di scritte, un tratto della pista ciclopedonale viene asfaltato senza alcun motivo (altri soldi pubblici spesi inutilmente), la sporcizia è ovunque, l’antica Fonte della Noce è oggetto di vandalismo … Possibile che noi teramani non siamo in grado di conservare nulla? Possibile che non si riesca ad ottenere dall’amministrazione comunale un minimo di cura e gestione di quel poco di patrimonio naturale rimasto in città?»