UdA: Carmine Di Ilio, preside di Medicina, si candida a rettore

La corsa della D’Annunzio verso il post Cuccurullo

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3900

Carmine Di Ilio

Carmine Di Ilio

CHIETI. «Sì, ci sto anch’io come candidato a rettore della d’Annunzio».

CHIETI. «Sì, ci sto anch’io come candidato a rettore della d’Annunzio».
 A sorpresa, ma non tanto, Carmine Di Ilio, preside di Medicina, ha risposto così ad una “provocazione” di Franco Chiarelli che ieri è intervenuto al Consiglio di facoltà di Medicina chiedendo un chiarimento sulle candidature alle prossime elezioni a Rettore. «Lo Statuto ormai c’è, la candidatura Bonetta c’è da tempo, tu che fai?» ha detto Chiarelli. A quel punto Di Ilio, per molti candidato in pectore, ma finora silente osservatore delle vicende interne della d’Annunzio, si è dichiarato interessato alla candidatura. Il che equivale, vista una sua certa riluttanza ad apparire, ad una scesa in campo  ufficiale. Come ha detto, annunciando il suo interesse, Di Ilio ha spiegato la sua scelta «considerato che molti colleghi della facoltà mi hanno sollecitato in tal senso».
 In realtà il Consiglio di facoltà di Medicina era stato convocato su altri punti all’odg, tanto che è stato monopolizzato proprio sulle questioni dello Statuto, con le osservazioni inviate dal Ministero e con le risposte affidate alle spiegazioni di Paolo Sacchetta che è stato il coordinatore della Commissione per lo Statuto. Si tratta in sostanza di 85 rilievi, quasi tutti di carattere formale e non sostanziale, che sono stati accolti, modificando la bozza iniziale che è stata rispedita al Ministero nella nuova formulazione.

Si è parlato poi anche delle nuove regole per la valutazione della ricerca universitaria, tutti argomenti interni che hanno tenuto occupati i docenti intervenuti. Però il momento più interessante è stato proprio quello della candidatura uscita allo scoperto dopo mesi di attesa. Lo hanno sottolineato alcuni professori “storici” come Francesco Caciagli, Gianluca Romani, Renato Mariani Costantini,  Agostino Consoli, Giorgio Fanò ed altri. Leonardo Marzio ha chiesto infine di conoscere il programma di questo come di altri candidati. Anche perché la facoltà di Medicina da tempo ha già un candidato rettore nella persona del professor Sergio Caputi, Odontoiatria, che è sceso in campo da mesi, raccogliendo consensi anche in altre facoltà. Il problema, molto sentito anche da Di Ilio, è proprio quello di presentarsi come candidato non solo della facoltà di Medicina, ma di tutta l’università. Ed è stato proprio Caputi che ha proposto un incontro per dibattere sui temi e sui programmi per le prossime elezioni. Se si tiene conto che sabato, in occasione dell’apertura dell’anno accademico, ci sarà l’addio del rettore uscente Franco Cuccurullo e che proprio in questi giorni Gaetano Bonetta ha inaugurato un proprio blog “perbonettarettore”, è di tutta evidenza che la campagna elettorale alla d’Annunzio è già cominciata.
Sebastiano Calella