Cavalli in fuga nella pineta dannunziana

Gli animali scappati da una azienda agricola al galoppo per le vie della città

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1288

Recinzione divelta

Recinzione divelta

PESCARA. Ieri mattina i carabinieri di Pescara, i vigili urbani e i vigli del fuoco sono stati impegnati nell’inseguimento e nella cattura di due cavalli.

PESCARA. Ieri mattina i carabinieri di Pescara, i vigili urbani e i vigli del fuoco sono stati impegnati nell’inseguimento e nella cattura di due cavalli.
Gli animali dopo essere fuggiti dal recinto all’interno di un’azienda agricola, nella zona alta di San Silvestro, hanno scorrazzato liberi per le strade pescaresi, creando situazioni di grosse difficoltà tra i passanti e le autovetture in transito.

A seguito delle prime telefonate pervenute al 112, i militari sono arrivati in via Lago Isoletta, luogo dove era stata segnalate la presenza degli animali che intanto si erano allontanati al galoppo.
Le ricerche effettuate hanno consentito ai carabinieri di intercettare gli animali, qualche minuto dopo, mentre percorrevano via Martiri di Pietransieri in direzione di viale della bonifica.
Con l’ ausilio di vigili del fuoco ed agenti della Municipale, i militari hanno costretto i due animali ad entrare all’interno del Parco D’Avalos dove, lontano dalle strade trafficate, sono riusciti a “placcarli” in sicurezza.
Immediatamente è giunto sul posto il proprietario, un imprenditore agricolo pescarese che, avvalendosi di una ditta specializzata in trasporto animali, ha recuperato i cavalli “fuggiaschi”.
Presso l’azienda agricola, i carabinieri hanno poi accertato le modalità dell’allontanamento: uno dei due cavalli, calciando ripetutamente contro la recinzione, aveva provocato il cedimento di un palo, aprendo un varco tale da consentirgli “l’evasione”.
Dopo la fuga dei due puledri di razza Anglo-Araba dal mantello sauro, l’uomo aveva avvertito il servizio veterinario dell’Asl di Pescara e si era adoperato per ricercare e catturare i cavalli.
La vicenda, grazie al pronto intervento dei militari, si è conclusa senza cagionare danni a persone o cose. Gli animali, dopo la cattura, sono stati sottoposti ad un controllo speditivo da parte dei veterinari della Asl di Pescara che ne hanno accertato il buono stato di salute.