Sabato e domenica a spasso per le bellezze abruzzesi con il Fai

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2761

ABRUZZO. Due giornate dedicate alle bellezze della regione, alle più caratteristiche opere archeologiche, culturali e paesaggistiche del Belpaese.

ABRUZZO. Due giornate dedicate alle bellezze della regione, alle più caratteristiche opere archeologiche, culturali e paesaggistiche del Belpaese.

 Sabato 26 e domenica 27 marzo, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana, torna infatti l’appuntamento con le Giornate Fai di Primavera. In programma l’apertura straordinaria di 660 beni in tutte le Regioni e un percorso dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia.
Non c’è angolo del nostro Paese che non sia protagonista di questa manifestazione, e ovviamente l’Abruzzo non fa eccezione.

Chiese, palazzi, ville, borghi, quartieri, castelli, torri, giardini, piccoli musei, archivi, aree archeologiche e teatri della regione saranno aperti al pubblico per due giornate dedicate alla scoperta dei luoghi più suggestivi d’Abruzzo.

«Nessuno dei luoghi coinvolti è uguale a un altro, ma ciascuno ha in sé un minimo comune denominatore: il sentimento di orgoglio per ciò che siamo e l’atmosfera di festa e di coinvolgimento collettivo che sempre la Giornata suscita in tutti i partecipanti». Questo il ‘motto scelto dal Fai (Fondo ambiente italiano) per promuovere le Giornate di primavera.

Le Giornate Fai di Primavera 2011 sono inserite all'interno delle celebrazioni ufficiali della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
I visitatori potranno avvalersi anche quest’anno di guide d’eccezione: saranno, infatti, oltre 13.000 gli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti che illustreranno aspetti storico-artistici dei monumenti

Ecco gli appuntamenti in Abruzzo.

 *LA CARTINA 

 CHIETI
Sabato 26 marzo: la mattinata di sabato sarà dedicata alle scuole di Chieti, cui è destinata, oltre alla visita al Palazzo de Mayo e alla Mostra di Mimmo Paladino, anche una breve rievocazione storica incentrata su Dorinda de Sanctis Ricciardone, nobildonna teatina che confezionò a mano il primo tricolore italiano in Abruzzo.

Domenica 27 marzo: Nel corso della giornata di domenica, dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 16 alle 20 si svolgeranno le visite guidate al Palazzo de Mayo dove, alle ore 18, si terrà un concerto di canti patriottici a cura del coro “F. S. Selecchy”, accompagnato dalle letture degli allievi della Scuola di Recitazione del Teatro Marrucino.
ATESSA
Saranno aperte tre strutture: museo Aligi Sassu c/o Palazzo Ferri – corso Vittorio Emanuele, 116; biblioteca “Filippo Cicchitti Suriani”, corso Vittorio Emanuele, 88; chiesa di San Leucio, via Trento e Trieste, 2

Per tutti i luoghi apertura sabato 26 e domenica 27, ore 10–12.30 / 16–19

 GUARDIAGRELE
Resteranno aperti nelle due giornate: Museo Archeologico di Guardiagrele, piazza San Francesco; Museo del Costume e delle Tradizioni Guardiesi, c/o Palazzo Comunale in piazza San Francesco; Museo del Duomo c/o Chiesa di Santa Maria Maggiore.

Per tutti i luoghi apertura sabato 26 e domenica 27, ore 10–12.30 / 16–19

 VASTO
Aperti al pubblico i tesori di Vasto sotterranea: resti di Terme Romane Private via Aimone 5/7; resti di una Domus, corso Dante, 36; resti di un abitato romano, via Buonconsiglio; Mosaico Policromo, via San Pietro – angolo piazza del Popolo.

Per questi luoghi apertura sabato 26 e domenica 27, ore 10–13 / 15.30–18.30

Ingresso monumentale dell’Anfiteatro Romano. piazza Rossetti – Castello Caldora /Palazzo Palmieri, ore 10.30–12.30 / 16.00–18.00 - Ingresso riservato ai soli Iscritti Fai: possibilità di iscriversi in loco
Apprendisti Ciceroni®: Liceo Scientifico “R. Mattioli” di Vasto


Eventi collaterali: Saletta Mattioli, corso De Parmala: mostra su Vasto antica realizzata da una classe del Liceo Scientifico R.Mattioli di Vasto

 MASSA D'ALBE
Alba Fucens dall’età imperiale al Medioevo, area archeologica di Alba Fucens e castello medievale. Sabato 26 e domenica 27, ore 10–13 / 16–19
Venerdì 25, ore 16–19 ingresso riservato agli Iscritti Fai; possibilità di iscriversi in loco
Visite guidate su prenotazione cell. 339 2207848
Apprendisti Ciceroni: Liceo Scientifico “Vitruvio” di Avezzano; Istituto d’Arte “Bellisario” di Avezzano
Sabato 26, ore 16 e domenica 27, ore 11: dimostrazione di strumenti musicali a corda; concerto di Musica Celtica

 PESCARA
Conservatorio Luisa D’Annunzio, via Muzii, 5 - Sabato 26 e domenica 27, ore 9.30–13 / 15–20
Per la visita guidata si rende necessaria la prenotazione in loco tramite preavviso
Apprendisti Ciceroni®: Conservatorio “Luisa D’Annunzio”; Liceo Classico Gabriele D’Annunzio, classe I Liceo, sez. I
Spazi musicali a cura degli studenti del Conservatorio “Luisa D’Annunzio”

 TERAMO
Chiesa di San Domenico, corso Porta Romana; Archivio di Stato di San Domenico, corso di Porta Romana, 68
Durante gli orari di apertura del luogo: mostra storica – documentaria “L'Unità d'Italia e la formazione del nuovo stato nella provincia di Teramo”, con esposizione di materiale documentario rappresentativo degli avvenimenti accaduti nel territorio teramano.
Casa dei Melatino (attuale sede della Fondazione Tercas), largo Melatini, 17. Domenica 27, ore 17: lezione a cura della professoressa Raffaella Morselli
Durante gli orari di apertura del Luogo: esposizione di ceramiche e maioliche di Castelli, e porcellane della Collezione Giubic; i pezzi esposti sono di proprietà della Fondazione Tercas e della Banca Tercas.

Ex Convento di Sant’Antonio (già Chiesa e Convento di San Francesco) corso De Michetti, 1

Per tutti i luoghi apertura sabato 26, ore 10–13 / 15–19; Domenica 27, ore 9.30–13 / 15–19 in programma visite guidate
Apprendisti Ciceroni®: Università degli Studi di Teramo – Facoltà di Scienze della Comunicazione; studenti coordinati da Raffaella Morselli, docente di Storia d’arte moderna e direttore del dipartimento di Scienze della Comunicazione

 MARTINSICURO
Castrum Truentinum: Torrione di Carlo V, sabato 26 e domenica 27, ore 10–13 / 15–18, visite guidate
Apprendisti Ciceroni®: Liceo Classico “Giacomo Leopardi” di San Benedetto del Tronto

 

24/03/2011 14.58