Sequestrati dalla Gdf 4 etti di cocaina purissima. Un uomo in manette

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1558

L'AQUILA. Gli uomini della Guardia di Finanza hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di un quarantacinquenne perché trovato in possesso di 425 grammi di cocaina purissima.

I militari, a seguito di mirate indagini condotte dal Gruppo Operativo Antidroga, l’articolazione specialistica del Corpo alle dipendenze del Nucleo di Polizia Tributaria di L’Aquila, hanno sottoposto a controllo una monovolume condotta dall’uomo.
La prima sommaria ispezione  dell’automezzo ha dato esito negativo, ma non appena l’uomo ha visto intervenire le unità cinofile in forza alla compagnia di Giulianova,  ha immediatamente ammesso di trasportare dello stupefacente occultato in parte sulla persona ed in parte in una valigetta del tipo ventiquattrore, subito mostrata ai militari.
La successiva perquisizione effettuata nei locali della caserma della Guardia di Finanza di Giulianova hanno permesso di rinvenire la restante parte di cocaina purissima.
L’uomo, residente in Provincia di Milano ed incensurato è stato  tratto in arresto e condotto nel carcere di Castrogno a disposizione della Procura della Repubblica di Teramo.

L'operazione si caratterizza non tanto per il quantitativo di cocaina, di per se ingente, quanto per la straordinaria purezza della sostanza stupefacente sequestrata che, se “tagliata“ da mani esperte, avrebbe consentito il confezionamento di migliaia di dosi da rivendere verosimilmente agli spacciatori che operano sulla costa adriatica abruzzese.

OPERAZIONE ANTIDROGA ANCHE A LANCIANO

Ma un servizio “a largo raggio” ha visto impiegati oggi anche molti uomini della Compagnia Carabinieri di Lanciano - sia del Nuceo Operativo e Radiomobile che delle Stazioni - e finalizzato al contrasto dei reati in materia di spaccio di sostanze stupefacenti. 5 le denunce, 4 i mezzi sequestrati, 4 le patenti di guida ritirate, 6 le perquisizioni personali e veicolari, 15 i soggetti identificati, 10 gli automezzi controllati, 5 le contravvenzioni al codice della strada.
Ancora una volta, si è cercato di dare un giro di vite all’annoso problema di quanti si rimettono alla guida del proprio mezzo dopo aver assunto metadone, farmaco utilizzato come curativo anti-dipendenza da oppioidi, somministrato presso il Sert.

E infatti sono risultati positivi all’assunzione di metadone L.P., classe 83 e C.D’A., 39enne, entrambi di Lanciano, a cui è stata ritirata la patente di guida.
Stessi provvedimenti – ovvero denuncia a piede libero e ritiro di patente - a cui si aggiunge anche il sequestro dei mezzi per B.C., 29enne nativo di Atessa e residente a Montazzoli; A.M., classe ’67, nato a Torre Annunziata e residente a Lanciano; F.I., 33enne nato in Germania e residente a Lanciano. Quest’ultimo, inoltre, è stato anche sanzionato per aver condotto l’autovettura nonostante la patente di guida sospesa.

22/02/2011 16.35