Salpata da Cagliari una nave per trarre in salvo il circo abruzzese a Tunisi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2065

CAGLIARI. È salpata ieri sera dal porto di Cagliari la nave della Tirrenia che andrà a recuperare il circo abruzzese Bellucci bloccato a Sfax, in Tunisia.

Lo annuncia la televisione cagliaritana Videolinea secondo la quale la nave arriverà a destinazione nel primo pomeriggio di oggi per trarre in salvo artisti e animali e poi risalpare alla volta dell'Italia. Sulla nave sono stati imbarcati anche viveri per le persone e gli animali, cavalli, cammelli, tigri e leoni che stanno nel circo. Il cibo è stato messo a disposizione dal circo Miranda Orfei che in questi giorni si trova proprio a Cagliari e per gli animali sono stati preparati carne, biada, e crusca.

A Rocca San Giovanni, provincia di Chieti, il circo è molto noto per la gestione del Safari Park, l''attrazione esotica nei pressi del casello di Lanciano della A14.

Sono giorni difficili per Attilio Bellucci, capo della comitiva, e il suo circo Bellucci-Orfei che nelle ultime ore hanno smontato il tendone in attesa di ripartire. «Dopo la sommossa di questi giorni», ha raccontato, «la situazione è solo apparentemente tranquilla. Tramite la nostra ambasciata abbiamo chiesto protezione dopo l'allontanamento della polizia, ma le autorità ci hanno garantito solo un presidio mobile di militari. Ecco perchè ci siamo organizzati in proprio, per tenere lontano dal campo eventuali malintenzionati».

La paura è che la situazione possa precipitare da un momento all'altro. Uno degli impresari locali e' morto e altri due si sono dileguati ai primi spari dei giorni scorsi.

«Da ieri gruppi di persone», ha raccontato Bellucci a Radio24, «cercano di attaccarci per saccheggiare il circo e siamo stati colpiti anche da spari di lacrimogeni, addosso a noi e agli animali: abbiamo chiuso le scuderie, i carri, le roulotte perché l'aria era irrespirabile. Nel circo al momento, ci sono circa ottanta persone».

Della situazione si sta occupando anche il sindaco di Bari Michele Emiliano dal momento che i fratelli Emidio e Attilio Bellucci sono pugliesi.

«Il dispositivo per il rientro via nave è pronto a scattare», ha scritto ieri il primo cittadino su Facebook, «ma il pericolo è ancora costituito dal percorso stradale verso il Porto di Sfax. In caso di necessità chiamatemi anche via telefono».

18/01/2011 8.19