Immigrazione. Ancora un controllo delle forze dell’ordine al Condominio Gemelli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2401

Immigrazione. Ancora un controllo delle forze dell’ordine al Condominio Gemelli
MONTESILVANO. Dalle prime ore dell’alba è in corso un servizio straordinario di pattugliamento e controlli contro l’immigrazione clandestina. * PROSTITUZIONE: CHIUSO NIGHT CLUB A BARETE, 3 IN MANETTE

 

L’obiettivo è arginare tutte le attività connesse alla clandestinità come sfruttamento della prostituzione e traffico di droga.

La questura di Pescara con 5 pattuglie e una squadra del Reparto Mobile di Senigallia, con carabinieri, finanza, forestale e polizia hanno provveduto al controllo amministrativo di due stabili siti a Montesilvano in via Lago di Bomba e denominati “Condominio Gemelli”.

Non è il primo controllo del genere all'interno di quei due edifici.

Nel corso dell'operazione sono stati identificati circa 30 cittadini stranieri, di cui 2 accompagnati in ufficio per ulteriori accertamenti, 10 cittadini italiani, controllati 25 appartamenti ed eseguita una perquisizione domiciliare ai sensi della normativa sugli stupefacenti, nel corso della quale è stata rinvenuta e sequestrata una modica quantità di droga, per uso personale, nei confronti di un cittadino italiano.

Nel parcheggio dello stabile sono state controllate numerose autovetture parcheggiate. 3 sono state poste sotto sequestro amministrativo in quanto non coperte da assicurazione, insieme a 5 ciclomotori di cui uno con targa risultata rubata.

Al momento sono in corso ulteriori accertamenti al fine di verificare la regolarità amministrativa e fiscale dei contratti di locazione inerenti alcuni appartamenti affittati a cittadini stranieri e a cittadini italiani.

 24/11/2010 12.26

 

 

[pagebreak]

PROSTITUZIONE: CHIUSO NIGHT CLUB A BARETE, 3 IN MANETTE

 

L'AQUILA. La procura ipotizza i reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. All'interno del locale feste hot per clienti facoltosi.

I carabinieri di L'Aquila, hanno posto sotto sequestro il night club Margot di Barete e arrestato tre persone.

Si tratta di M.S. 57 anni, M.A. 28 anni, entrambi titolari del locale e M.M.D. 40 anni che si occupava della gestione della sala.

I tre devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento, favoreggiamento, reclutamento, induzione alla prostituzione.

M.S. ed M.M.D. sono stati arrestati a Barete mentre stavano lavorando all'interno del locale.

La terza persona, invece, è stata presa a Varese dove si trovava, fanno sapere gli inquirenti, per una visita di piacere alla propria fidanzata.

Le indagine sono state condotte per mesi dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di L'Aquila, coadiuvato dalle stazioni di Pizzoli e Cagnano Amiterno e dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di L'Aquila.

Nel corso delle indagini sono stati raccolti, mediante specifici servizi di osservazione, importanti elementi di prova a carico degli indagati.

Nel corso delle attivita' di polizia si è così scoeprto che M.S. ed M.A. reclutavano giovani donne di nazionalita' straniera, predisponevano per queste dei fittizi contratti di lavoro quali ballerine, le alloggiavano in appartamento a Barete e ne favorivano e sfruttavano la prostituzione all'interno del night club "Margot".

Secondo quanto accertato dagli inquirenti all'interno di alcuni privee venivano allestiti degli spettacoli personalizzati per persone facoltose, dove avvenivano esibizioni erotiche e si consumavano rapporti sessuali con i clienti, dietro pagamento della prestazione che corrispondevano a M.M.D. nel ruolo di direttore di sala.

Il locale e' stato sottoposto a sequestro mentre i tre si trovano al momento nel carcere di Avezzano. 

24/11/2010 12.36