A spasso nel Sirente Velino in sella alle "Bike-sharing"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1325

ABRUZZO. Parco e Comuni di Ovindoli, Rocca di Mezzo e Rocca di Cambio puntano sulla mobilità sostenibile.

Sull’altopiano delle Rocche in sella alle “Bike-sharing”, le biciclette elettriche alimentate da fonti di energia rinnovabile, per ammirare gli splendidi scenari del Parco regionale Sirente Velino senza inquinare.

L’area protetta abruzzese e i Comuni di Ovindoli, Rocca di Mezzo e Rocca di Cambio scommettono sulla mobilità sostenibile per dare nuovi impulsi sul fronte del turismo.

I 4 Enti, uniti in un progetto comune, hanno elaborato un progetto per realizzare un sistema di “Bike-sharing” che prevede l’acquisto di 40 biciclette e la realizzazione di punti sosta alimentati dal fotovoltaico dislocati nei tre centri dell’Altopiano delle Rocche dove si sta realizzando una pista ciclabile che unisce i tre Comuni.

       «Favorire lo sviluppo del turismo utilizzando mezzi ecologici», afferma il Commissario del Sirente Velino, Patrizio Schiazza, «è una opzione naturale per un Parco. Scelta rafforzata dall’unità di intenti con i tre sindaci, Pino Angelosante, Emilio Nusca e Gennarino Di Stefano, convinti di ampliare così la gamma dell’offerta turistica puntando sulla mobilità sostenibile per dare agli amanti della natura incontaminata l’opportunità di ammirare il territorio dell’oasi naturalistica nel rispetto dell’ambiente».

Costo dell’operazione 365 mila euro, parte finanziata da Parco e Comuni, mentre per il resto si punta ai finanziamenti del bando “Bike-sharing e fonti rinnovabili” emanato dal Ministero dell’Ambiente per far decollare il turismo all’insegna delle biciclette “condivise”: per il progetto mirato a favorire la mobilità sostenibile il dicastero capitanato dal Ministro Stefania Prestigiacomo ha messo in palio 14 milioni di euro.

   «L’intervento messo in cantiere dai 4 Enti, mirato a favorire l’uso di un mezzo ecologico per eccellenza come la bicicletta», aggiunge il direttore del Parco, Oremo Di Nino, «ha l’obiettivo di far vivere l’area protetta in perfetta armonia con la natura». Vivere il Parco, quindi, riducendo al minimo l’impatto ambientale.  Il “Bike-sharing, ovvero la "condivisione della bicicletta", per spostarsi tra i 3 Comuni rappresenta un’opportunità importante per le amministrazioni pubbliche, aree protette in testa, per sviluppare progetti mirati a incentivare la mobilità sostenibile: un sistema  che permette di ridurre al minimo l’inquinamento. Il bando del Ministero dell’Ambiente finalizzato al cofinanziamento di progetti volti alla riduzione delle emissioni nocive attraverso la realizzazione di sistemi “ecologici” alimentati da energie rinnovabili, rappresenta una ghiotta opportunità per incentivare la mobilità sostenibile nel territorio del Parco regionale Sirente Velino.

18/10/10 12.18