Inchiesta di Larino e arresti eccellenti: sconto da 8mln per vendita ex acciaieria

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5583

LARINO. Spuntano fuori altri nomi eccellenti dall’indagine ‘Dark Report’ che ieri ha portato all’arresto, tra gli altri, del comandante dei carabinieri di Atessa Vincenzo Orlando.

Nessun abruzzese ma nomi di spicco del territorio molisano. Tra questi Antonio Del Torto, ex presidente del Consorzio industriale di Termoli accusato di corruzione in atti giudiziari e falsa perizia, l'avvocato Costanzo della Porta di San Giacomo degli Schiavoni in qualità di socio di una società energetica. Per lui le accuse sono concorso, associazione a delinquere finalizzata a reati contro la pubblica amministrazione e concorrenza sleale. Ci sono anche il vigile urbano De Filippis che non avrebbe elevato una multa di natura ambientale omissione in atti d’ufficio, rivelazione del segreto d’ufficio, favoreggiamento personale), il termolese Franco Del Borrello che avrebbe interrato rifiuti su un terreno di proprietà di Franco Mancini senza essere multato (attività non autorizzata nella gestione dei rifiuti), l'ingegnere di Termoli Massimo Pellicciotti (concorso in redazione di falsa perizia) e la moglie dell'avvocato Bonacini, Arianna Belloni (concorso in associazione a delinquere finalizzata a reati contro la pubblica amministrazione e concorrenza sleale).

Secondo quanto riporta il quotidiano PrimoNumero di Termoli sarebbero tre i filoni principali di questa inchiesta che ruota intorno alla vendita delle acciaierie dismesse di Termoli acquisite dal Consorzio Industriale a un valore irrisorio: «8 milioni di euro meno della stima reale», scrive il quotidiano.

Il primo filone si riferisce alla ex acciaieria Stefana e alla perizia che il Tribunale di Larino affidò a Antonio Malerba (arrestato ieri) per la stima dell’area che doveva essere acquistata dal Cosib. «Secondo gli inquirenti», scrive PrimoNumero, «la perizia sarebbe stata in qualche modo addomesticata proprio per agevolare il Cosib nella pratica di acquisto, che avrebbe speso otto milioni di euro meno rispetto alla stima iniziale. Uno “sconto” ottenuto proprio grazie a Malerba, che avrebbe agito sotto pressione e con la complicità di dirigenti del Consorzio, tra i quali proprio Vittorio Abiuso che con lui è finito dietro le sbarre, nel penitenziario di Larino».
Il secondo filone, invece, uscito fuori nel corso delle indagini, sarebbe quello che coinvolge i due esponenti delle forze dell’ordine, il comandante dei Carabinieri di Atessa Vincenzo Orlando e il maresciallo della Guardia di Finanza Salvatore Malerba. Il primo è accusato di corruzione, il secondo di truffa aggravata, falso in atto pubblico, omissione d’atti d’ufficio, rivelazione e utilizzo di segreti d’ufficio.
C’è poi la vicenda che vede al centro l’ex procuratore della Corte dei Conti del Molise Giuseppe Grasso, e l’avvocato Marco Bonacina attualmente componente della società “Gestore Servizi Energetici”, «una struttura statale, completamente pubblica, con sede a Roma, che si occupa di funzioni di natura pubblicistica nel controllo del settore energetico, in special modo nel ramo dell’eolico e del fotovoltaico».

Grasso è accusato di associazione a delinquere e corruzione, Bonacina di associazione a delinquere. «I due sono sospettati», scrive il quotidiano di Termoli, «di aver formato, proprio insieme con Malerba, una associazione a delinquere che aveva per finalità l’inquinamento di vicende giudiziarie e il turbamento di legittimi processi industriali e commerciali».
Il terzo e ultimo filone riguarda invece l’illecita acquisizione di consenso elettorale, o voto di scambio, e fa riferimento in special modo all’ingegnere Malerba accusato di corruzione in atti giudiziari, falsa perizia, rivelazione ed utilizzo di segreti d’ufficio, omissione di atti d’ufficio, illecita acquisizione di consenso elettorale, corruzione, associazione per delinquere, favoreggiamento, falsa perizia tentata.

Nei prossimi giorni si terranno gli interrogatori di garanzia degli indagati che potranno raccontare la propria versione dei fatti.

16/12/2011 10:53