Lupi morti, è mistero sulle cause. Indaga la Forestale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2066

GUARDIAGRELE. Lupi morti, una volpe son ostati trovati nei gironi scorsi da personale del Parco Nazionale della Majella. Il sospetto è che siano stati avvelenati.

GUARDIAGRELE. Lupi morti, una volpe son ostati trovati nei gironi scorsi da personale del Parco Nazionale della Majella. Il sospetto è che siano stati avvelenati.

Dal 27 novembre scorso, giorno in cui un escursionista ha segnalato alla Centrale Operativa del Corpo Forestale dello Stato il rinvenimento di due lupi ed una volpe in località “La Posta” del Comune di Ateleta, all’interno del territorio del Parco Nazionale della Majella, il personale del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Parco nazionale della majella, coordinato dal Comm. C. Tiziana Altea, ha messo in atto uno specifico protocollo di repertazione previsto in caso di mortalità illegale della fauna selvatica, in particolare di lupi.

Da una verifica preliminare delle carcasse e da una lettura degli elementi ritrovati la Forestale ipotizza come causa di morte più accreditata quella dell’avvelenamento. Le indagini hanno previsto nei giorni immediatamente seguenti la segnalazione, un capillare rastrellamento e contestuale bonifica territoriale, anche oltre i confini dell’area interessata dal rinvenimento, per recuperare eventuali altri animali (nello specifico, è stata rinvenuta un’altra carcassa di volpe), resti alimentari o esche. Per la peculiarità e specificità di intervento, la Forestale si è avvalsa anche di nuclei cinofili antiveleno del Parco Nazionale Gran Sasso, Monti della Laga.

Le carcasse sono state recapitate per le analisi presso il Centro di Medicina Forense Veterinaria di Grosseto dell’IZS di Lazio e Toscana.

«In questa fase», spiegano gli investigatori, «diventa di particolare rilevanza conoscere gli esiti di tali accertamenti che, presumibilmente, vista l’urgenza del caso, perverranno entro una decina di giorni, per poter orientare in maniera più mirata e funzionale le future indagini del personale forestale».

L’episodio è di per sé drammatico e grave soprattutto se si considera il valore faunistico delle specie colpite come il lupo.

 30/11/2011 11:28