Parcheggi: «la sosta a pagamento una nuova tassa per i cittadini»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1234

L'AQUILA. Via Sallustio, come segnalato a ragione dai commercianti della strada, e tutto il centro storico si trovano in una situazione di caos per quanto riguarda soste ed accessibilità del traffico. La segnalazione arriva da Pietro Di Stefano (Ds) che parla della presenza di «soste selvagge dentro le ZTL che sottraggono posti auto ai residenti paganti».
E poi ancora «ostruzione degli accessi per disabili, assalto dei parcheggi indiscriminati nelle ore notturne e incroci fra pedoni e auto che procura file di mezz'ora ad ogni flusso di punta del traffico».
«Non si capisce se questo avvenga per pigrizia o per inerzia dell'amministrazione», chiude Di Stefano.
«Usare l'automobile a L'Aquila è una vera è propria tassa aggiuntiva», commenta anche un cittadino che ci ha scritto una email.
«Il centro storico e le sue zone limitrofe sono tempestate da parcometri dai costi rilevanti. Un euro all'ora per una media di 8 ore al giorno, moltiplicato per 5 giorni alla settimana, moltiplicato per 21 giorni al mese moltiplicato per 12 mesi all'anno fanno la bellezza di 10.080 euro all'anno». Eppure trovare una zona svincolate da parcometro è impossibile. «Le zone limitrofe al centro non soggette a parcometri, invece, ma sono tempestate da divieti di sosta anche lì dove il parcheggio non creerebbe nessun disagio alla circolazione veicolare e pedonale; non ci dimentichiamo di aggiungere che i vigili urbani non si risparmiano affatto nell'applicare salate multe in queste zone senza avere un minimo di perspicacia e tolleranza nel capire che nella città non vi sono realmente posti».
L'alternativa di prendere mezzi pubblici è altrettanto onerosa sia dal punto di vista economico che dal vista logistico in quanto molte zone dell'interland cittadino sono mal servite.
«L'ultima possibilità di raggiungere il centro sarebbe quella di arrivarci a piedi, ma anche questa alternativa non è molto facile da concretizzarsi poiché gran parte della popolazione aquilana abita a diversi km di distanza»,


15/05/2007 11.59