Nuovi incidenti sul lavoro, nuovi controlli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2197

Nuovi incidenti sul lavoro, nuovi controlli
RIPA TEATINA (CH). Non passa giorno che in Abruzzo non si debba registrare un nuovo incidente sui luoghi di lavoro. Sono i cantieri edili i luoghi più pericolosi ma anche quelli dove ormai in tutta libertà si lavora infischiandosene degli obblighi chiari prescritti dalla legge e riassunti in un cartello che spesso dista poche decine di metri dagli operai in equilibrio sui ponteggi, sempre sprovvisti di casco, guanti e protezioni.
Anche ieri a Montesilvano un uomo di 38 anni stava lavorando sul tetto di un capannone situato sulla Bonifica poi all'improvviso ha perso l'equilibrio ed è volato giù da un'altezza di dieci metri. Il cantiere è della ditta Cometa srl di Nettuno (Roma), ma al suo interno lavorano diverse ditte subappaltatrici, una delle quali ha dato lavoro all'operaio precipitato.
Sono intervenuti i carabinieri ed hanno potuto constatare che l'operaio non era assicurato in alcun modo al tetto, il che vuol dire che non erano rispettate le misure di sicurezza, nel capannone.
Nei giorni scorsi un manovale 36enne di Atri era stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di neurochirurgia dell'ospedale di Teramo per le gravissime ferite riportate in un incidente sul lavoro, in un altro cantiere: stesse modalità stessi pericoli.
Già da alcuni giorni tuttavia dopo i diversi moniti che giungono da più parti le forze dell'ordine sono impegnate in una serie dio controlli a tappeto nei cantieri abruzzesi riscontrando numerose irregolarità.
E successo anche ieri nel Comune di Ripa Teatina dove sono state elevate contravvenzioni per diverse migliaia di euro.
Oltre una decina di imprese sono state controllate dalla Compagnia dei Carabinieri di Chieti.
In via Alento è stato contravvenzionato il titolare di una ditta per non aver adeguatamente protetto un'apertura del solaio. La sanzione è di tipo amministrativa ed ha un importo di soli 250 euro.
In via Chieti, poi, i militari hanno riscontrato molte più mancanze.
La ditta che sta effettuando i lavori di costruzione di un'abitazione è stata sanzionata per non aver realizzato il ponteggio in conformità (sanzione pecuniaria pari a 2.000,00 euro); per non aver sottoposto uno degli apparecchi di sollevamento alle previste verifiche periodiche (sanzione pecuniaria pari a 500,00 euro).
E' stata elevata anche una multa nei confronti del coordinatore della sicurezza del cantiere, AD 43enne del posto, per aver omesso di coordinare i lavori nonché di verificarne il piano di sicurezza (sanzione pecuniaria pari a 1.050 euro).
E stamane un cantiere edile di un albergo in fase di ristrutturazione in località Sinello, sulla Statale 16 nord a Vasto è stato sequestrato dai carabinieri.
Le contestazioni riguardano la presenza di materiale coibentato con l'eternit, da tempo messo al bando dalla legge perchè cancerogeno, smaltito non si sa ancora dove e se con le dovute prescrizioni di sicurezza.

08/05/2007 8.52